Parma – Uova al Fipronil , Coldiretti : “Basta segreto, pubblicare...

Parma – Uova al Fipronil , Coldiretti : “Basta segreto, pubblicare la lista delle aziende coinvolte”

657
0
CONDIVIDI

Dopo i fatti di cronaca recenti e viste le manifestazioni in tal senso da parte di associazioni dei consumatori, istituzioni e cittadini, la Coldiretti disegna la via per la tracciabilità dei prodotti, in particolare delle uova.

Questa mattina,  mercoledì 23 agosto, sono stati intercettati dai Nas, altri due nuovi casi di uova contaminate dal fipronil, l’insetticida vietato negli allevamenti di animali per il consumo umano.

Fare i nomi delle aziende coinvolte, pubblicare come in Francia subito l’elenco dei prodotti interessati e togliere il segreto sulla destinazione finale di tutti i prodotti alimentari importati rendendo finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall’estero.

È quanto chiede il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo dal Meeting di Rimini nel commentare l’annuncio del Ministero della Salute sul fatto che due campionamenti di uova, prodotti derivati e alimenti che li contengono, sono risultati positivi al Fipronil a completamento delle analisi effettuate ad oggi dagli Istituti Zooprofilattici su 114 del numero totale di campioni oggetto di monitoraggio in Italia e pervenuti.

«Di fronte alle emergenze sanitarie provenienti dall’estero che purtroppo continuano a ripetersi nell’alimentare, occorre intervenire subito con la trasparenza dell’informazione che da sola è in grado di chiarire e quindi evitare allarmismi che danneggiano imprese e consumatori». Ricordiamo che è di qualche settimana fa il sequestro di alcuni lotti di uova proprio a Parma. (Leggi qui)

Lo scandalo delle uova contaminate con l’insetticida Fipronil e commercializzate in Europa – sottolinea la Coldiretti – riguarda esclusivamente quelle importate dall’estero. Le uova italiane possono essere tranquillamente riconosciute poiché è presente l’indicazione di origine su ogni guscio anche se è necessario migliorarne la visibilità scrivendo chiaramente per esteso, anche sulle confezioni e sui cartoni, da dove arrivano.

 

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: