Progetto Itaca: disturbi mentali, lettera-appello ai candidati sindaco

Progetto Itaca: disturbi mentali, lettera-appello ai candidati sindaco

1182
0
CONDIVIDI

L’Associazione di Volontariato Onlus “Progetto Itaca Parma” sente la necessità di rivolgersi ai Candidati Sindaco del Comune di Parma, per evidenziare le problematiche delle persone affette da disturbi mentali, dai più lievi a quelli più gravi, residenti nel Comune. Nella nostra città, come peraltro in generale, le persone che soffrono di disagio psichico sfiorano il 10%, una percentuale assai consistente e spesso sottovalutata se non ignorata.

Il Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL, col quale Progetto Itaca collabora in modo costante e sistematico, si occupa naturalmente degli aspetti clinici e medici. Ma le persone sofferenti, ed altrettanto le loro famiglie, soffrono spesso di situazioni di disagio se non di esclusione.

E’ a tutti noto che la riabilitazione dalla malattia mentale non è solo dipendente dalle cure farmacologiche, ma spesso dipende anche da molti fattori di carattere sociale, che riguardano il recupero, la riabilitazione sociale e lavorativa e il reinserimento nel contesto di vita quotidiana.

E’ proprio di questi aspetti che Progetto Itaca intende discutere con il futuro Sindaco della città, per affrontare il tema di una carenza diffusa e spesso grave di luoghi ed opportunità destinate a questi malati, per non parlare dell’attuazione della recente Legge “Dopo di Noi” che chiama I Sindaci in prima persona a svolgere un ruolo attivo e determinante.

Centri di ritrovo, luoghi di socialità, laboratori per la rieducazione lavorativa, opportunità di vita sociale sono servizi che non possono ricadere sulla famiglia singola, spesso isolata ed in difficoltà di vario genere.

Pensiamo alle opportunità che l’Ente Locale, per le sue responsabilità dei servizi sociali (come peraltro avviene ad esempio nei centri diurni per gli anziani) dovrebbe mettere in campo, anche con la collaborazione di Associazioni e di volontari disponibili.

Progetto Itaca gestisce in proprio presso il Monastero di S. Giovanni un Centro di incontro dalle 9 alle 17 di tutti i giorni, pasto compreso ed in forma gratuita, cosi come organizza Corsi per Famigliari e la formazione di Gruppi di Auto Aiuto, tutti servizi che per ovvie ragioni sono ben lungi dal coprire le esigenze esistenti.

Si tenga altresì presente che il disturbo mentale colpisce per oltre il 75% dai 15 ai 25 anni, quindi una popolazione giovane, che spesso è costretta ad abbandonare gli studi, ma che non trova luoghi alternativi nei quali essere aiutata a rientrare in un percorso di vita normale.

Per tutte queste ragioni Progetto Itaca Parma chiede ai Candidati Sindaco per le elezioni del prossimo 11 Giugno una attenzione ed un impegno, purtroppo finora del tutto inadeguati, per questa problematica che investe alcune migliaia di cittadini della nostra città.

Progetto Itaca Parma

Nessun commetno

Lascia una risposta: