Trofeo Allodi 2018, ecco come è andata la grande regata velica

Trofeo Allodi 2018, ecco come è andata la grande regata velica

658
0
CONDIVIDI

Verrà ricordato a lungo il weekend targato Parma a La Spezia: prima, il venerdì sera 18 maggio, allo stadio Picco la promozione in Serie A del Parma calcio e poi, sabato 19 e domenica 20 maggio, nel Golfo dei Poeti le due giornate del “Trofeo Roberto Allodi”, regata velica che, giunta all’undicesima edizione, ha usufruito delle condizioni atmosferiche ideali (un maestrale fino a 16 nodi) e dell’alto livello qualitativo certificato dall’inclusione nel selettivo calendario d’altura della Fiv, Federazione Italiana Vela.

Dedicato allo stimato imprenditore e velista parmigiano Roberto Allodi, scomparso nel 2000, questo Trofeo velico nazionale ha potuto contare sull’organizzazione dello Yacht Club Parma in collaborazione con la famiglia Allodi e il Comitato dei circoli velici spezzini, col supporto di Camparini, Fidenza Village, Schiatti Class e Ilger.com.

Dopo quattro prove “a bastone” nelle acque davanti a Lerici, due per giornata, tutte equilibrate e combattute con un notevole tasso tecnico su percorsi di quasi 7 miglia nautiche, il Trofeo è stato vinto dalla barca Digital Bravo dell’armatore Alberto Franchi del Club Nautico di Marina di Carrara, che nella categoria Orc delle “fuoriserie” del mare ha battuto sul filo di lana la barca Stella di Stefano Fava e Giuseppe Cavalieri dello Yacht Club Parma, al vertice dell’albo d’oro con i suoi cinque successi.

La sfida tra Carrara e Parma è stata suggellata dal terzo posto di Fantaghirò del toscano Carlandrea Simonelli e dal quinto di Eugenia dell’emiliano Mauro Broglio, divisi solo dalla quarta classificata SottoSopra 2.0 di Mauro Todisco della Lni Sestri Levante.

Le premiazioni sono state ospitate da Porto Lotti a La Spezia, con il Trofeo consegnato da Rosy Allodi, vedova di Roberto, mentre le figlie Daniela e Michela Allodi hanno gareggiato con le barche Favela Blanca e Favela Chic nella categoria Gran Crociera “B”, vinta da Duchessa di Pier Giuseppe Francese del circolo della vela Erix di Lerici.

Nella Gran Crociera “A” si è imposta l’imbarcazione QQ8 di Roberto Maffini del Club Nautico di Marina di Carrara; seconda, benché a pari punti, Piki di Paolo Maioli dello Yacht Club Parma e terza Pestifera 2 della Lni Mantova. Nel gruppo B della classe Orc si è registrato un podio interamente spezzino, con la barca Sangria di Carlo Sebastiano Tadeo del circolo Forza e Coraggio de Le Grazie che ha preceduto Melagodo e Alcam.

Come ogni anno, il villaggio della regata è stato un viavai di personalità della vela quali il comandante Giorgio Balestrero, presidente del Comitato dei circoli velici del Golfo della Spezia, e Sandro Gherarducci, presidente della Giuria.

Nessun commetno

Lascia una risposta: