Impianti zigomatici: come tornare a sorridere e mangiare con denti fissi nonostante...

Impianti zigomatici: come tornare a sorridere e mangiare con denti fissi nonostante la mancanza di osso mascellare.

1048
0
CONDIVIDI

Grazie agli impianti zigomatici sempre più pazienti ritrovano la gioia di sorride. Scorpi in cosa consiste la tecnica chirurgica e ascolta la storia di Nico.

Le gravi atrofie mandibolari e mascellari rappresentano una condizione in cui le ossa del volto si sono notevolmente ridotte di volume e dimensioni a causa di una significativa perdita di tessuto osseo. Questa condizione può essere causata da molteplici fattori come l’età avanzata, l’osteoporosi, malattie croniche e il pregresso utilizzo di protesi dentarie non appropriatamente adattate.

L’atrofia ossea può rendere problematico l’inserimento di un impianto dentale convenzionale in quanto viene a mancare il tessuto osseo che solitamente serve per inserire l’impianto e ancorare la protesi fissa.

Grazie alla tecnica degli impianti zigomatici, l’osso mascellare viene bypassato e questi impianti, più lunghi rispetto a quelli tradizionali, vengono inseriti direttamente nell’osso zigomatico, che si trova nella parte superiore del mascellare. Questo osso è particolarmente resistente e può sopportare un carico sufficiente per sostenere nuovi denti, anche in caso di gravi atrofie ossee.

Il vantaggio principale di questa tecnica è che non richiede un processo di ricostruzione ossea. Con gli impianti zigomatici infatti, l’osso zigomatico viene utilizzato come base solida per gli impianti dentali. Ciò consente ai pazienti di ottenere denti completamente funzionali e naturali in modo più rapido ed efficiente rispetto ad altre tecniche di ricostruzione ossea.

Un altro grande vantaggio dell’uso degli impianti zigomatici è che possono garantire un carico immediato. Ciò significa che, dopo aver installato gli impianti, l’odontoiatra può inserire immediatamente, o dopo poche ore, i nuovi denti. Questo ha molti benefici pratici, tra cui la possibilità di fornire ai pazienti una soluzione a breve termine senza lasciarli senza denti.

Inoltre, gli impianti zigomatici riducono la probabilità di complicazioni postoperatorie, come l’infezione dell’osso. Ciò è dovuto al fatto che la tecnica non richiede di solito un processo di ricostruzione ossea doloroso e lungo.

Nico è un paziente di Arezzo del Dottor Cesare Paoleschi, chirurgo implantologo esperto di trattamento di grave atrofia con impianti zigomatici, che ha potuto toccare con mano tutti questi benefici.

Dopo aver sofferto a lungo per la mancanza dei denti, Nico aveva perso la speranza di trovare una soluzione al suo problema. Diversi professionisti gli avevano consigliato di indossare una dentiera mobile, a causa della mancanza di osso, ma lui non si sentiva a proprio agio. Tutto è cambiato quando ha incontrato il Dottor Cesare Paoleschi, che gli ha garantito che avrebbe potuto risolvere il suo problema. In un solo intervento chirurgico il Dottor Cesare Paoleschi ha riabilitato tutta la bocca di Nico, restituendogli estetica e funzionalità. Grazie alla tecnica degli impianti zigomatici, Nico è riuscito a ritrovare il piacere di sorridere e di mangiare senza difficoltà. Oltre alla soluzione tecnica, Nico ha apprezzato il supporto emotivo e la professionalità del Dottor Cesare e del suo team. Grazie a questa riabilitazione, Nico è rinato e ha trovato di nuovo la serenità.

Ascolta l’intervista di Nico su YouTube.

Il Dottor Cesare Paoleschi, laureato in odontoiatria e protesi dentaria ed iscritto all’albo degli odontoiatri di Lucca al numero 3, esegue da 10 anni riabilitazioni di gravi atrofie mascellari con la tecnica degli impianti zigomatici. La sua lunga esperienza lo ha portato nel 2022 a pubblicare per la casa editrice EDRA il Manuale Pratico di Chirurgia Zigomatica per l’Odontoiatra. Il Dottor Cesare Paoleschi visita e opera esclusivamente presso gli studi dentistici Iris della Toscana e della Liguria (direttori sanitari disponibili sul sito internet di Iris Compagnia Odontoiatrica).

Nessun commetno

Lascia una risposta: