La prossima pandemia potrebbe provenire dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Artico

La prossima pandemia potrebbe provenire dallo scioglimento dei ghiacciai dell’Artico

Un'altra ragione per prendersi cura dei nostri ghiacciai dallo scioglimento: il rischio di diffusione virale potrebbe essere più elevato con lo scioglimento dei ghiacciai

226
0
CONDIVIDI
Foto Pixabay

Dimenticatevi per un momento di pipistrelli, uccelli o altri animali: la prossima pandemia potrebbe essere causata dallo scioglimento dei ghiacci nell’Artico, secondo un nuovo studio. L’analisi genetica del suolo e dei sedimenti lacustri del Laze Hazen, il più grande lago artico d’acqua dolce del mondo, ha dimostrato che il rischio di diffusione virale potrebbe essere più alto con lo scioglimento dei ghiacciai – e di ghiacciai in scioglimento ce ne sono parecchi.

I risultati indicano che il riscaldamento del pianeta dovuto ai cambiamenti climatici rende più probabile il risveglio di virus e batteri che sono bloccati all’interno dei ghiacciai e nel permafrost, che possono infettare la fauna selvatica. Stiamo già iniziando a vedere questo fenomeno in azione, ad esempio nel 2016, quando un focolaio di antrace è stato collegato a un’ondata di calore che ha sciolto il permafrost ed esposto una carcassa di renna infetta – ma questo potrebbe essere solo l’inizio.

“Questo duplice effetto del cambiamento climatico, che aumenta il rischio di spillover e porta a uno spostamento verso nord degli areali delle specie, potrebbe avere effetti drammatici nell’Alto Artico”, scrivono i ricercatori nel loro articolo. “Distinguere questo rischio dagli effettivi spillover e dalle pandemie sarà un impegno critico da perseguire in parallelo alle attività di sorveglianza”.

Pandemie e cambiamenti climatici

I virus hanno bisogno di ospiti (come animali, esseri umani, piante o funghi) per replicarsi e diffondersi. A volte possono passare a un nuovo ospite privo di immunità, come si è visto con la pandemia. Gli scienziati canadesi hanno voluto capire meglio come il cambiamento climatico potrebbe influenzare il rischio di diffusione, esaminando campioni provenienti dal lago Hazen.

I ricercatori hanno campionato il terreno che in estate diventa il letto del fiume per l’acqua sciolta dal ghiacciaio, nonché il letto del lago, il che ha richiesto lo sgombero della neve e la perforazione di due metri di ghiaccio, anche a maggio, quando è stato condotto lo studio. Hanno usato corde e motoslitte per sollevare i sedimenti del lago attraverso quasi 300 metri d’acqua.

I campioni sono stati sottoposti a un sequenziamento del DNA e dell’RNA, le impronte genetiche e i messaggeri della vita, roba che ci hanno creato giochi anche su scommesse.netbet.it, per identificare le firme che corrispondono strettamente ai virus noti e ai potenziali ospiti vegetali, animali o fungini. I ricercatori hanno poi utilizzato un algoritmo che ha esaminato la possibilità che questi virus finiscano per infettare gruppi di organismi non correlati.

Lo studio ha dimostrato che il rischio di diffusione dei virus a nuovi ospiti era maggiore nei luoghi in cui scorrevano le acque di fusione glaciale, una situazione che diventerebbe più probabile con l’avanzare dei cambiamenti climatici. I ricercatori non sanno quanti virus oggi identificati, fossero sconosciuti in precedenza, ma vorrebbero farlo in un prossimo futuro.

Studi precedenti hanno suggerito che virus sconosciuti possono rimanere nel ghiaccio dei ghiacciai

Ad esempio, lo scorso anno, dei ricercatori americani hanno affermato di aver scoperto del materiale genetico di trentatrè virus (dei quali 28 sconosciuti) in campioni estratti dal ghiaccio dell’altopiano tibetano cinese. Secondo le loro stime, i virus risalgono a circa 15.000 anni fa, in base alla loro posizione.

Gli autori di questo nuovo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, hanno dichiarato di non prevedere una diffusione o una pandemia, poiché la probabilità di entrambi gli eventi rimane bassa. Tuttavia, hanno sottolineato che più il nostro pianeta si riscalda e i ghiacciai si sciolgono, più diventa probabile la comparsa di una pandemia di questo tipo.

Nessun commetno

Lascia una risposta: