Tutto su Novara-Parma: le parole dei tecnici, probabili “11” e i precedenti

Tutto su Novara-Parma: le parole dei tecnici, probabili “11” e i precedenti

696
0
CONDIVIDI

Parma Calcio a Novara contro la storia, contro la cabala, ma soprattutto per far punti a dispetto di una tradizione tutt’altro che benevola. I crociati in 15 incontri hanno rimediato soltanto quattro pareggi, ma mister Roberto D’Aversa guarda al futuro – alla partita di domani, domenica, alle 20.30 – e lascia l’almanacco ben chiuso nel cassetto. D’altra parte questo è un altro Parma, un’altra serie B e nuovo è anche l’autobus con il quale i crociati sono partiti alla volta di Novara.

Sarà Daniele Martinelli di Roma 2 a dirigere l’incontro tra il Novara e il Parma Calcio, assistito da Giuseppe Borzomì di Torino e da Pasquale Capaldo di Napoli. Quarto ufficiale sarà invece Daniele Minelli di Varese. Martinelli è alla 34esima direzione in serie B ed è un arbitro piuttosto severo: 178 cartellini gialli, 7 rossi e 13 rigori fischiati. Nelle 33 gare finora dirette in B, la squadra ospite ha vinto in 12 occasioni, mentre i padroni di casa si sono imposti soltanto 11 volte. Dieci le gare concluse con risultato di parità.

Tra le difficoltà che il Parma dovrà affrontare c’è anche il terreno di gioco che a Novara è sintetico. Nessun particolare problema invece nello spogliatoio, con tutti i giocatori a disposizione. Si tratterà soltanto di valutare le condizioni dei singoli e non è escluso che anche Fabio Ceravolo possa vedere già il campo al “Piola”. Qualche problema in più per mister Eugenio Corini che dovrà invece rinunciare agli infortunati Dickmann, Beye, Orlandi e Casarini.

Il Novara scende in campo con il 3-5-2 al quale mister Roberto D’Aversa opporrà il suo 4-3-3 “mobile”. Il rischio per i crociati è la superiorità numerica a centrocampo dei padroni di casa, che potrebbe “inceppare” il meccanismo di costruzione del gioco costringendo i ducali a partire da dietro per innescare le azioni offensive.

MISTER D’AVERSA: MANTENERE L’INIZIATIVA PER IMPORRE IL NOSTRO GIOCO

Dopo la rifinitura a porte chiuse, il tecnico crociato Roberto D’Aversa ha presentato i temi della sfida contro il Novara, senza nascondere le insidie di una gara non facile al di là della tradizione.

https://www.facebook.com/parmacalcio1913/videos/1728584524115058/
“Il fatto che si sia concluso il mercato dà più serenità, e ora possiamo pensare esclusivamente al campo. La partita di domani cercheremo di affrontarla consapevoli della nostra forza. Il primo ostacolo lo abbiamo già superato, ora dobbiamo cercare di fare il meglio possibile negli altri quarantuno che mancano. Per la scelta della formazione di domani devo valutare le condizioni dei giocatori che arrivano da alcuni acciacchi, e quelle di Ceravolo, che viene da un percorso in cui ha giocato ma per due settimane si è allenato poco. Dobbiamo valutare un po’ tutte queste situazioni“, ha subito chiarito il tecnico crociato.

Chi svolge il mio mestiere – ha poi proseguito D’Aversa – sa di avere delle responsabilità. Le eventuali pressioni non devono preoccupare, ma stimolare. La volontà nostra, da parte di tutti, è quella, in questa stagione, di fare del nostro meglio. E’ chiaro che sarà determinante avere equilibrio quando arriveranno le difficoltà. Riusciremo a superare gli ostacoli lungo il nostro percorso solo pensando con serenità al lavoro quotidiano. Dobbiamo pensare partita dopo partita, all’obiettivo settimanale, consapevoli della forza di questa squadra. Pensando al lavoro quotidiano ci toglieremo delle soddisfazioni“.

Domani giocheremo su un campo sintetico, ci dovremo adattare in pochissimo tempo ai rimbalzi diversi del pallone, però comunque per una squadra brava tecnicamente può anche essere un vantaggio – sottolinea Roberto D’Aversa -. Il Novara non meritava, alla prima giornata, la sconfitta con il Carpi. E’ una squadra che di fronte ai propri tifosi vorrà fare risultato a tutti i costi. Noi dobbiamo essere consapevoli della nostra forza e, al di là che si giochi in casa o in trasferta, cercare di imporre il nostro gioco per raggiungere il massimo risultato. I giocatori dell’organico sono tutti disponibili tranne Saporetti. Dobbiamo valutare le condizioni di Ceravolo fino a domani. Ceravolo è un giocatore importante. C’erano altri nomi, ma ci tengo a precisare che è una prima scelta, il suo curriculum parla chiaro. Quanto ha fatto l’anno scorso, con venti gol in campionato e uno nei playoff, lo dimostra. Si tratta di un calciatore di categoria che va a completare un reparto in cui ci sono giocatori altrettanto forti come Calaiò, che con la Cremonese ha fatto una bellissima prestazione, e Nocciolini. Questa difficoltà di scelta ce l’ho in tutti i reparti del campo, perchè ho dei titolari in ogni ruolo. Per me non esistono seconde scelte in questa rosa. Me lo ha dimostrato anche la partita di stamattina in allenamento. Quest’anno è importante questo equilibrio dovuto al livello alto dell’organico, con giocatori che a volte saranno costretti a stare in panchina. È una gestione che sarà fondamentale per il rendimento della squadra“.

 

MISTER CORINI: PARMA FORTE, MA IL NOVARA HA I MEZZI PER FARE RISULTATO

Mister Eugenio Corini non ha ancora digerito la sconfitta di misura patita a Carpi nella prima giornata di campionato. Ma ha le idee chiare sul da farsi nella gara casalinga con il Parma.

Dickmann, Beye, Orlandi e Casarini non saranno della partita perché infortunati. Sapevamo che Federico avrebbe potuto avere problemi questa settimana pagando gli sforzi di Carpi. I nuovi stanno tutti bene fisicamente, da oggi si allenano con noi e li valuteremo, sono tutti arruolabili”, ha detto mister Eugenio Corini senza far troppa pretattica.

Dobbiamo consolidare certe idee e portarle avanti con coraggio a centrocampo, i cambiamenti sono importanti ma è necessario scegliere una filosofia e portarla avanti, quindi andremo avanti sulla strada intrapresa 7 giorni fa. Maniero? Si sta allenando con grande impegno, vedo dei miglioramenti ma pretendo sempre di più, seguendo un percorso graduale”, ha poi aggiunto Corini che non teme più di tanto la sfida di domani: “La B è un campionato difficile, quello che voglio dai miei ragazzi è affrontare ogni singolo impegno mettendoci il massimo della concentrazione. Affrontiamo un avversario forte, costruito per fare un campionato importante con una rosa molto ricca; possiamo mettere in campo una squadra che abbia tutte le caratteristiche per raggiungere il risultato”.

Il tecnico del Novara confida particolarmente sull’attacco dei suoi: “Lavoriamo tanto sulla fase realizzativa, creiamo tanto in avanti e in allenamento battiamo molto su questo tasto, la pericolosità deve diventare naturale e speriamo succeda prima possibile. Ogni settimana si comincia da capo, chi ha giocato a Carpi mi ha dato indicazioni e da lunedì comincio a valutare; Da Cruz mi ha dato risposte importanti, dobbiamo essere concentrati su ciò che sappiamo fare meglio. Lui ha grandi doti atletiche, può giocare da punta o da esterno, deve migliorare sulla coordinazione dei movimenti corali ma sono contento dell’impatto che ha avuto sulla gara a Carpi”.

 

I CONVOCATI DEL PARMA E DEL NOVARA. I PROBABILI “11”

Al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta questa mattina al Centro sportivo di Collecchio, mister D’Aversa ha convocato per la seconda partita del Parma Calcio nel campionato Serie B ConTe.it 25 giocatori, partiti poi nel primo pomeriggio per il ritiro pre-gara a Novara.

Portieri: Andrea Dini, Pierluigi Frattali, Michele Nardi

Difensori: Valerio Di Cesare, Riccardo Gagliolo, Luca Germoni, Simone Iacoponi, Alessandro Lucarelli, Pasquale Mazzocchi, Luigi Alberto Scaglia, Francisco Sierralta

Centrocampisti: Antonino Barillà, Francesco Corapi, Jacopo Dezi, Gianni Munari, Manuel Scavone, Matteo Scozzarella

Attaccanti: Yves Baraye, Emanuele Calaiò, Fabio Ceravolo, Antonio Di Gaudio, Marco Frediani, Roberto Insigne, Manuel Nocciolini, Luca Siligardi

 

Sono 24, invece, i giocatori del Novara convocati da mister Eugenio Corini in vista di Novara-Parma.

Portieri: Elia Benedettini, Simone Farelli, Filippo Marricchi

Difensori: Marco Bellich, Davide Bove, Marco Calderoni, Marco Chiosa, Dario Del Fabro, Petar Golubovic, Andrea Mantovani, Magnus Troest

Centrocampisti: Federico Casarini, Marco Moscati, Filippo Nardi, Andrea Orlandi, Ronaldo, Nicolas Schiavi, Daniele Sciaudone

Attaccanti: Moutir Chajia, Alessio Da Cruz, Francesco Di Mariano, Federico Macheda, Riccardo Maniero, Gianluca Sansone

Con questi convocati, le due squadre potrebbero scendere in campo così:

NOVARA (3-5-2): Montipò; Chiosa, Troest, Mantovani; Tartaglia, Sciaudone, Ronaldo, Scognamiglio, Calderoni; Macheda, Sansone. A disposizione: Farelli, Schiavi, Benedettini, Bellich, Moscati, Chaija, Da Cruz, Maniero, Di Mariano. All.: Corini.

PARMA (4-3-3): Frattali; Iacoponi, Di Cesare, Gagliolo, Scaglia, Dezi, Munari, Barillà; Nocciolini, Calaiò, Baraye. A disposizione: Nardi, Sierralta, Mazzocchi, Lucarelli, Germoni, Scavone, Scozzarella, Corapi, Siligardi, Ceravolo, Di Gaudio, Insigne. All. D’Aversa.
I PRECEDENTI: MAI UNA VITTORIA CROCIATA

Il campo di Novara, dove il Parma Calcio giocherà domenica 3 settembre con fischio di inizio alle 20.30 è storicamente ostico per la maglia crociata. In quindici incontri di campionato disputati tra il 1930 e il 2011 tra Serie C1, Serie B e Serie A, il Parma non ha mai vinto. Rimediando in compenso soltanto 4 pareggi a fronte di ben 11 sconfitte.

In due circostanze il risultato di parità fu di 0-0 (il 16 febbraio 1975 in Serie B e il 28 settembre 1980 in Serie C1) e in altrettante di 1-1 (il 13 marzo 1960 in Serie B con gol del vantaggio al 20′ di Giuseppe Calzolari e l’11 novembre 1973 sempre in B con rete del recupero di Giulio Sega su calcio di rigore).

L’ultima volta, nell’unico confronto giocato nel campionato maggiore tra Parma e Novara, il 26 novembre 2011, l’attuale collaboratore dell’area tecnica del Parma, Raffaele Rubino, al 70′ ha segnato il gol del momentaneo pareggio, raggiungendo così l’obiettivo di aver segnato in tutte le categorie professionistiche italiane (A, B, C1 e C2).

 

IL NUOVO AUTOBUS DEL PARMA CALCIO

Se i precedenti non aiutano, chissà che non sia il nuovo autobus messo a disposizione dalla Tep Spa a portare bene ai colori crociati in questa trasferta di Novara? Grafica rinnovata e un “look” tutto nuovo per l’ammiraglia della flotta TEP che, anche per l’annata 2017/2018 continuerà a trasportare la prima squadra agli incontri previsti dal campionato di Serie B ConTe.it.

Pochi chilometri a bordo, dunque, quando si tratterà di raggiungere lo Stadio Tardini in occasione delle partite in casa. In occasione delle trasferte, invece, il viaggio più lungo consentirà ai giocatori di beneficiare di tutte le dotazioni di comfort del pullman: sedili reclinabili, lettori individuali per l’ascolto di musica e la tv satellitare con schermi LCD offriranno alla squadra l’opportunità di viaggiare col massimo relax. Ma a servirsi della flotta Tep saranno anche tutte le formazioni giovanili e la squadra femminile. A condurre i pullman ci saranno una rosa di autisti selezionati tra quelli destinati alla guida della flotta Granturismo.

Siamo felici di continuare ad accompagnare il Parma Calcio anche in Serie B – commenta a margine della presentazione il presidente di TEP Antonio RizziCome azienda dei trasporti di Parma, condividiamo con la squadra il forte legame culturale e sociale col territorio. Per noi è una collaborazione preziosa che testimonia i valori per i quali siamo lieti di continuare a metterci al servizio”.

Soddisfatto anche Luca Carra, amministratore delegato del Parma Calcio 1913: “Abbiamo voluto rinnovare questo rapporto con la Tep perchè siamo soddisfatti del loro ottimo servizio, e la volontà di proseguire è dimostrata anche dalla nuova livrea che accompagnerà il pullman: un investimento che ci ha trovato concordi, per rinnovare anche la grafica del mezzo che ci accompagnerà durante tutta questa stagione”.

Nessun commetno

Lascia una risposta: