App Space: e gli studenti pendolari non si annoiano

App Space: e gli studenti pendolari non si annoiano

305
0
CONDIVIDI

Finalmente in classe: sono felici tutti ma proprio tutti gli studenti parmigiani. Lasciarsi alle spalle quasi due anni scolastici in DaD per tornare tra banchi, aule, corridoi, giardini, sorrisi e persino viaggi in bus o treno, ha dato un pò a tutti un’immensa felicità. E’ tantissima l’energia positiva che si respira nei pressi degli istituti scolastici e, dopo due anni di chiusura, sentire campanelle e vedere volti sorridenti fa ripensare a quella normalità che ci stavamo quasi scordando. La città e l’hinterland tornano a popolarsi di bus, i treni regionali sono più affollati: zaini, cartelle, libri e tanti tantissimi smartphone. C’è anche tra gli studenti parmigiani chi deve trascorrere moltissimo tempo sui mezzi di trasporto. Nasce proprio da qui l‘idea di App Space – la nuova applicazione di Comunica Sociale in collaborazione con WeWorld – per coinvolgere studenti e studentesse pendolari e stimolare la loro creatività. Un applicativo intelligente e solidale per abbattere la noia e non solo!!

 

App Space: l’app che ti accompagna a scuola

Tecnologia ed impegno sociale possono andare di pari passo: WeWorld lo dimostra bene con App Space, un applicativo già liberamente scaricabile dagli store dei vari smartphone e tablet, ideale per studenti pendolari. Il “tempi morti” del viaggio da pendolare, possono spesso risultare noiosi: App@Space invece stimola la creatività e rende il percorso casa scuola (e viceversa) più stimolante e creativo. L’idea nasce appunto da un progetto dell’organizzazione italiana indipendente WeWorld e da Comunica Sociale, che hanno condiviso  “S.P.A.C.E. Studenti Pendolari Acquisiscono Competenze Educative”, scelto da da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Un piccolo viaggio artistico per dare una nuova ed allettante chance ai pendolari.

Il pendolarismo studentesco in Italia è massiccio: sono 11 milioni i giovani che si devono spostare quotidianamente per raggiungere la scuola, Spesso – soprattutto al sud – è uno dei motivi di abbandono scolastico. Il tempo va ottimizzato: bisogna evitare di somatizzare lo stress e creare disagi, niente di meglio che avere a disposizione qualcosa che oltre a distrarre può essere inclusivo e coinvolgente.

Grazie all’App@Space la creatività non ha limiti: si possono raccogliere le foto, filtrarle, renderle artistiche, scrivere un testo, raccontare il viaggio insomma una vera e propria piccola risorsa da sfruttare perfetta per i giovani. Ancora per poco, l’app propone un interessante e simpatico concorso nazionale rivolto ai giovani studenti tra i 12 e i 20 anni. Un concorso fotografico che mette in palio una mostra pubblica, un notebook (primo posto), uno smartphone (secondo posto) ed una carta regalo di Trenitalia (terzo posto): il regolamento è pubblicato su http://appspace.comunicasociale.eu.

Parma: la situazione dei pendolari migliora

La tematica del pendolarismo studentesco in città è molto sentita ed infatti non sono mancate le manifestazioni per richiedere un miglior sistema di trasporti dedicato agli studenti ed ai giovani in questo particolare momento.

Sono aumentate le corse ed in questi giorni sono state risolte le questioni che avevano portato a notevoli ritardi nelle ore di punta e al servizio degli studenti pendolari nel tragitto casa-scuola-casa. Tutto si può sempre ottimizzare, ma in questo inizio di anno scolastico sembra già che la sensibilità media sia aumentata, cosí come il benessere dei giovani e giovanissimi.

 

 

 

 

 

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: