Nuova normativa sul gioco d’azzardo operativa da 1 anno: ma è già...

Nuova normativa sul gioco d’azzardo operativa da 1 anno: ma è già efficace?

192
0
CONDIVIDI

Il Decreto Dignità (emanato ad Agosto 2018) è il primo intervento con il quale il legislatore ha apportato i primi cambiamenti al settore gioco d’azzardo. A distanza di poco più di un anno, i trend dicono che le scommesse sono in aumento, soprattutto online, ma i dati si riferiscono al periodo precedente l’entrata in vigore della nuova regolamentazione.
Tra non molto si potrà valutare l’impatto delle leggi fortemente volute dal Movimento 5 Stelle, che avevano l’obiettivo primario di contrastare la ludopatia e il gioco illegale.
Nel frattempo, il betting online trova sempre nuovi modi per attrarre giocatori. Tra le tante novità che stanno prendendo piede, c’è quella dei casino online senza registrazione, che permettono di giocare senza effettuare l’iscrizione, evitando quindi di fornire dati personali. Queste piattaforme, dette anche no account casino, permettono comunque di vincere denaro, ma hanno una disponibilità piuttosto ridotta di bonus e promo.

L’approccio dello Stato al settore gambling in 3 punti

Le direttrici sulle quali si muove la nuova legislazione italiana in ambito gioco d’azzardo sono 3:
1. Tutela del giocatore dai rischi di ludopatia e da comportamenti scorretti degli operatori di betting
2. Contrasto al gioco d’azzardo illegale
3. Trasparenza delle informazioni relative ai prodotti o ai servizi di gioco
Tramite più stringenti controlli sugli operatori che forniscono servizi da gioco online, e l’obbligo per quest’ultimi di promuovere una cultura del gioco legale e responsabile, le nuove leggi italiane sul gambling sono tra le più restrittive in Europa.

Niente più spot pubblicitari e sponsorizzazioni per le aziende di scommesse

Uno dei punti della nuova normativa gioco d’azzardo che hanno fatto più discutere è il divieto di pubblicità e promozione. Nel 2018 l’Italia aveva messo in palio 120 nuove licenze per operare come fornitore di giochi a distanza e circa 80 casino online hanno partecipato. Infatti solo i casino in possesso di regolare concessione possono offrire servizi di gaming in Italia, e l’apertura del mercato a nuovi operatori ha fatto gola a molte società del settore.
Poi però le cose sono cambiate, e il divieto di promuovere prodotti e servizi ha creato malumori soprattutto tra quegli operatori che entravano per la prima volta nel mercato italiano e speravano di farsi conoscere. Dei quasi 80 casino online che hanno partecipato al bando, alcuni si sono ritirati, altri hanno espresso perplessità, e c’è anche chi ha presentato reclamo alla Commissione UE.

Cambiamenti anche per le slot machine terrestri

Oltre al Decreto Dignità, lo Stato è intervenuto in materia gioco d’azzardo anche con la Legge di Bilancio 2019 e il Decreto Reddito di Cittadinanza. In questo caso vengono interessate le macchinette da gioco che si trovano nei bar o nelle sale scommesse dedicate.
Aumentano le tasse per i gestori di sale da gioco, e dal 2020 tutte le slot machine dovranno avere sofisticati dispositivi di manomissione, ed essere giocabili solo tramite la tessera sanitaria, un po’ come i distributori di tabacchi e sigarette.
Gli enti territoriali, comunali e regionali, possono inoltre stabilire le ore e le zone in cui le sale slot possono operare. Ad esempio, un locale da gioco non può aprire nelle vicinanze di una scuola o nel centro storico di una città, e le sue macchinette possono essere giocate in predeterminati intervalli temporali.

Trasparenza e informazione per un approccio consapevole al gioco d’azzardo

Dopo l’entrata in vigore del Decreto Dignità e delle relative norme sul gambling, l’AGCOM (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) è intervenuto per dettare le linee guida sulla legge, stabilendo che le uniche comunicazioni che le aziende di betting possono dare sono quelle ad esclusivo carattere descrittivo dell’offerta di gioco, in maniera funzionale a consentire una scelta di gioco consapevole in capo al giocatore.

La sicurezza su Internet del marchio ADM

Il settore del gioco d’azzardo ha avuto nuova linfa con la possibilità di scommettere tramite Internet. Non c’è bisogno di recarsi ad una ricevitoria per giocare una schedina, e l’offerta di servizi e prodotti è vastissima. La possibilità poi di scommettere a giochi tipicamente da casino come la roulette o le slot machine direttamente dal proprio pc, fa intuire perché il trend di crescita è in costante aumento.
Per agevolare un approccio legale e responsabile dei giocatori, tutti i casino online che espongono il marchio dell’Agenzie delle Dogane e Monopoli (il marchio ADM), ex AAMS, sono reputati sicuri e affidabili dalle istituzioni stesse, a differenza di quelli ospitati su siti .com, in cui aumenta il rischio di incappare in truffe e raggiri.
Nel caso di irregolarità, l’ADM può erogare sanzioni, oscurare il sito, e persino ritirare la licenza.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: