Settimana della Protezione civile anche nel Parmense, tutti gli appuntamenti

Settimana della Protezione civile anche nel Parmense, tutti gli appuntamenti

193
0
CONDIVIDI

Simulazioni di interventi di emergenza ed evacuazioni, dimostrazioni di unità cinofile, esposizioni di mezzi di soccorso e allestimento di campi tendati per il primo intervento. In tutta l’Emilia-Romagna, dal 20 maggio a metà giugno, si terrà la quarta edizione della Settimana della Protezione civile, organizzata dalla Regione per ricordare il sisma del 2012, sensibilizzare i cittadini sul tema della sicurezza del territorio e diffondere una sempre maggiore cultura della prevenzione e del rischio.

Per quanto riguarda le iniziative in programma nel Parmense, a Bardi “Conoscere il Piano comunale di Protezione civile” il 24 maggio all’Istituto Comprensivo Valceno; a Noceto Giornata della Protezione Civile il 25 maggio dalle 9 alle 13, con l’evacuazione della sede Municipale, scuole materne, scuola primaria, scuola secondaria e la presentazione dei mezzi di soccorso; nell’Unione Bassa Est Parmense – che comprende Colorno, Mezzani, Sorbolo e Torrile – dal 19 al 25 giugno saranno allestiti punti di informazione nelle giornate di mercato, mentre in alcune serate saranno illustrati i piani di Protezione civile; a Fidenza il 25 maggio alle 18 è previsto un incontro con la cittadinanza sul tema “Rischio Idraulico – Idrogeologico: le nuove procedure di allertamento”; a Fornovo sabato 20 maggio alle 15, al Foro 2000, formazione per l’evacuazione in caso di incendio.

Le associazioni di volontariato di Protezione civile presenti in Emilia-Romagna sono 361 con 16.428 volontari iscritti (11.569 uomini; 4.859 donne). Di questi circa 12mila sono operativi ovvero pronti a intervenire in caso di necessità. In particolare sono 707 i volontari di Piacenza, 2.542 a Parma, 2.685 a Reggio Emilia, 3.012 a Modena, 2.565 a Bologna, 1.366 a Ferrara, 634 a Ravenna, 1.856 a Forlì-Cesena e 1.061 a Rimini.

A Bologna il 27 maggio, inoltre, al Parco Nord si terrà la cerimonia conclusiva dei lavori degli Stati generali del volontariato di protezione civile che hanno coinvolto nelle scorse settimane gli oltre 16.400 volontari della regione, impegnati in una serie di incontri finalizzati a raccogliere proposte per avviare la revisione della legge 1/2005 sul sistema di Protezione civile dell’Emilia-Romagna.

 

Una giornata speciale: in mattinata (ore 10.30) sarà presentato il documento finale del processo partecipativo che porterà alla riforma della legge regionale 1/2005; nel pomeriggio (ore 14.30) si terrà una cerimonia di ringraziamento pubblico ai 1.706 volontari e agli operatori emiliano-romagnoli intervenuti nell’emergenza del sisma dell’Italia Centrale.

Insieme al presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e all’assessore regionale alla Difesa del suolo e Protezione civile, Paola Gazzolo, saranno presenti i rappresentanti della Protezione civile nazione, il commissario straordinario alla Ricostruzione, Vasco Errani, il presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, il presidente di Anci Marche e sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi, e i sindaci di Montegallo, Caldarola e San Severino Marche, Sergio Fabiani, Luca Giuseppetti e Rosa Piermattei.

Nessun commetno

Lascia una risposta: