Imprese a caccia di “innovation manager”, corso Ecipar Parma per formarli (iscrizioni...

Imprese a caccia di “innovation manager”, corso Ecipar Parma per formarli (iscrizioni entro il 15 novembre)

1049
0
CONDIVIDI

Le imprese italiane hanno bisogno di almeno tremila “innovation manager” entro il 2020. Una nuova figura, ancora poco nota e non del tutto definita, ma fondamentale nell’industria 4.0 in cui la digitalizzazione entra persino nei settori più tradizionali, arrivando a determinare la crescita e lo sviluppo dell’impresa. L’innovation manager si occupa dell’aggiornamento tecnologico mirato all’innovazione di prodotto, ma anche di processo, di servizio e alla creazione di nuovi business e mercati.

Ampie possibilità di occupazione qualificata quindi per chi sceglie di intraprendere un mestiere nuovo, di grande responsabilità. Ma allo stesso tempo difficoltà per le imprese – anche di Parma e provincia – che ancora non trovano queste figure sempre più indispensabili.

Ecipar Parma – la società del gruppo Cna che si occupa di formazione professionale nel mondo dell’impresa artigiana e della piccola e media impresa, oltre che di supportare le aziende con servizi innovativi – scende in campo per soddisfare la necessità di imprese e di giovani in cerca di occupazione, proponendo un corso gratuito per “Tecnico esperto nella gestione di progetti di trasformazione digitale” che terrà nella propria sede di via Sicuri 44/a, a Parma.

Ne verranno fuori esperti in grado di guidare le aziende nella digital economy, migliorando processi organizzativi, prodotti e servizi attraverso l’impiego delle più innovative tecnologie e metodologie digitali. E’ una figura attenta alle continue innovazioni e che presidia il processo di cambiamento culturale, organizzativo e tecnologico.

Roberto Andaloro

Si tratta in sostanza di un Innovation Manager – spiega Roberto Andaloro, direttore di Ecipar Parma – che in stretta sinergia con l’imprenditore e con l’ormai imprescindibile digitalizzazione che contamina anche i comparti più tradizionali, non si occupa solamente di sviluppare e introdurre sul mercato nuovi prodotti e servizi, ma che è in grado di innovare anche i processi aziendali, i modelli di business e quelli organizzativi. Il suo compito è creare la cultura dell’innovazione, facendo maturare quei cambiamenti organizzativi che la favoriscono”.

Il corso è aperto a 12 persone residenti o domiciliate in Emilia Romagna in possesso di almeno un diploma di istruzione secondaria superiore (o qualifica professionale di livello Eqf non inferiore al 4°), oltre che di competenze o esperienze necessarie per il raggiungimento degli obiettivi di apprendimento del percorso. Saranno valutate prioritarie conoscenze e capacità relative a Information Technology; Business management; Sistemi di gestione. Ed è richiesta la conoscenza di base della lingua inglese (Livello A2).

Il corso affronterà tematiche come la strategia digitale e mappatura del percorso di trasformazione, il progetto di intervento, la strutturazione e definizione del progetto esecutivo, l’applicazione diretta sul campo. Ed ancora “Industry 4.0 & Digital Operation. I nuovi paradigmi di impresa automatizzata e interconnessa”, la sicurezza sul lavoro, l’avvio attività autonoma.

La selezione prevede una prova scritta ed un colloquio motivazionale. Al termine dei corso – che avrà una durata di 500 ore, di cui 180 di stage in azienda e 20 di Project Work, oltre a un workshop gestito da Tag Innovation School presso Talent Garden Milano – i 12 partecipanti riceveranno il certificato di qualifica professionale (ai sensi della DGR 739/2013) di “Tecnico esperto nella gestione dei progetti”.

Le iscrizioni devono essere effettuate entro il prossimo 15 novembre, mentre il corso prenderà il via già da martedì 21 novembre.

Il corso organizzato da Ecipar Parma è completamente gratuito per i 12 fortunati partecipanti, in quanto finanziato dal Fondo Sociale Europeo e dalla Regione Emilia Romagna all’interno dell’offerta formativa regionale della Rete Politecnica.

Patrizio Bianchi

«Obiettivo della Rete è offrire una pluralità di proposte formative fondate sulla valorizzazione della cultura professionale, tecnica, tecnologica e scientifica ed è una risposta concreta alle richieste delle imprese di avere personale tecnico qualificato – spiega l’assessore regionale alla formazione e al lavoro, Patrizio BianchiCaratteristica dei percorsi è l’integrazione tra i diversi soggetti formativi impegnati a collaborare sulla base delle proprie esperienze e competenze alla progettazione e alla realizzazione delle attività, con una forte integrazione tra formazione in aula, realizzata prevalentemente da esperti provenienti dal mondo del lavoro, ed esperienze di stage in azienda. Si tratta di corsi fatti con le imprese e dentro alle imprese e i ragazzi che li frequentano riescono a inserirsi più facilmente nel mondo del lavoro».

Partner del progetto formativo sono: Cna Parma; Cna Produzione; Dassi Srl; TME SpA; Spotti Sergio Coil Processing Srl; Marchesi Gru Srl; Cotti F.lli; Akomag Srl; Artel srl; CB Meccanica srl; Co.All Srl; Cogi Snc; Daniel Srl; NEGRI snc; Metaltecno Snc; Protostamp Srl; Rettifiche Meccaniche Tirelli.

Info: Ecipar Parma, tel. 0521 267011 – www.eciparpr.com/corsi.aspx?id=81

Nessun commetno

Lascia una risposta: