Come affrontare un colloquio di lavoro in inglese

Come affrontare un colloquio di lavoro in inglese

223
0
CONDIVIDI

Non sempre potrebbe essere così semplice affrontare un colloquio di lavoro in lingua inglese. È sicuramente una sfida personale molto interessante, per mettere alla prova le conoscenze in un determinato settore. In particolare si dovrebbe riflettere, prima di sostenere il colloquio, su alcuni aspetti interessanti. Si dovrebbe cercare di pensare a quali potrebbero essere le domande che verranno poste e si dovrebbe riflettere proprio sul modo con il quale rispondere. In ogni caso in queste occasioni bisogna sempre mostrarsi molto preparati e sicuri. Come fare, quindi, in concreto? Quali aspetti tenere in considerazione?

Esercitare l’inglese tecnico

Frequentando una scuola come Wall Street English Parma si ha la possibilità di esercitarsi anche per imparare a comunicare fluentemente in un inglese tecnico. L’esercizio in questo senso è fondamentale, perché si può dimostrare così in un colloquio di lavoro di conoscere bene la pronuncia e i vocaboli.

In questo modo si può mostrare una maggiore sicurezza e si può avere la possibilità di correggere qualche errore prima di affrontare il colloquio, anche facendo qualche simulazione. È importante acquisire la padronanza del linguaggio specifico legato alla propria posizione lavorativa e prendere confidenza con lo slang del mercato in cui opera l’azienda da cui ci si vuole fare assumere.

Bisognerebbe cercare di informarsi anche sui vocaboli tecnici che rientrano nel profilo per cui ci si sta candidando.

Ascoltare prima di tutto per comprendere

Nel momento in cui si affronta un colloquio di lavoro, specialmente se viene richiesto di mostrare le proprie competenze in una lingua straniera, bisogna dedicarsi ad ascoltare soprattutto per comprendere e non soltanto per dare una risposta pronta.

In questo modo si dà l’idea di una persona che ha anche delle buone capacità relazionali. Il datore di lavoro potrebbe guardare anche all’atteggiamento del candidato. Per questo è importante essere se stessi e non ostentare necessariamente sicurezza eccessiva.

È importante riflettere bene sulle parole e sui comportamenti e utilizzare un inglese semplice, corretto, ma non pieno di orpelli.

Non scusarsi eccessivamente

Può capitare, anche in sede di colloquio di lavoro, di non essere molto certi su alcuni discorsi o sulla pronuncia di alcune parole in inglese, ma non bisogna sforzarsi di correggersi continuamente o di scusarsi di frequente per gli errori commessi.

La persona che seleziona i candidati per un lavoro sa benissimo come certi errori si possano attribuire alle emozioni del momento. Allo stesso tempo è opportuno mettere in evidenza le ambizioni di crescita o le nuove sfide che si cercano in campo lavorativo.

Preparare in anticipo qualche domanda

Si potrebbero preparare anche in anticipo delle domande, soprattutto se non si hanno chiari alcuni punti che rientrano nell’offerta di lavoro. Facciamo un esempio pratico. Magari l’offerta include anche delle trasferte all’estero e riguardo a questo si potrebbero chiedere maggiori informazioni sulla frequenza dei viaggi e su quali siano i Paesi in cui ci si dovrebbe recare più spesso.

Contemporaneamente è fondamentale mostrarsi interessati alla cultura dell’azienda e sui suoi programmi futuri. Mostrarsi interessati può essere davvero importante.

Non farsi ostacolare dalla lingua

La lingua, anche se viene richiesto di parlare durante il colloquio in inglese, non deve costituire un ostacolo. Il segreto è cercare, come abbiamo detto precedentemente, di essere se stessi e di mostrare le proprie competenze nel conversare in lingua straniera, in particolare in inglese.

Allo stesso tempo si può portare un curriculum aggiornato, che comprenda anche le certificazioni linguistiche, per dare l’idea di aver svolto un percorso di formazione e di apprendimento per quanto riguarda la conoscenza della lingua inglese, oggi strumento indispensabile per muoversi bene in campo professionale. In questo modo si possono dimostrare le proprie competenze, andando su un livello di sicurezza più alto.

Nessun commetno

Lascia una risposta: