Maghi, cartomanti e medium: il confine tra realtà e suggestione

Maghi, cartomanti e medium: il confine tra realtà e suggestione

345
0
CONDIVIDI

Credere a determinati concetti e farlo quasi per fede, come se si trattasse di una sorta di religione o giù di lì; bisogna sempre muoversi con circospezione quando si parla di temi di questo genere visto che si rischia di essere fraintesi o di far passare un messaggio non conforme alla realtà.

Partiamo da un dato numerico e, come sempre in questo caso, incontrovertibile: in Italia sono tantissimi coloro i quali si rivolgono a maghi ed affini: circa 13 milioni per la precisione, con un annesso indotto di quasi 8 miliardi di euro. Si parla in generale di maghi, cartomanti, veggenti, il cui numero è cresciuto costantemente negli ultimi anni nel nostro paese.

I perché sono molteplici: su tutti il fascino, indiscusso al di là di come la si pensi, e l’attrazione che questi argomenti riescono ad esercitare, da sempre, nell’uomo. Poi, per quanto strano possa sembrare, un altro fattore: ovvero, nei periodi di crisi economica, bui, per paradosso si tende maggiormente a rivolgersi a realtà di questo genere, a cercare quindi la soluzione ai propri problemi in un qualcosa non di concreto e materiale, da mi soprannaturale. Ed ecco che i recenti fatti di cronaca ci fanno comprendere meglio il perché della crescita del settore negli ultimi mesi.

Un mondo vasto e composito

Previsioni sul futuro, consigli sentimentali, lettura dei tarocchi: ce ne è realmente per tutti i gusti nell’universo vasto ed articolato fatto da figure di questo genere. In particolare è sui maghi che si focalizza l’attenzione vista l’indubbia presa che hanno sulla coscienza degli individui ed i tanti casi di cronaca legati ad episodi quantomeno poco chiari legati a professionisti di questo genere.

La magia si è spostata in rete, oggi sul web è possibile trovare tantissimi soggetti che promuovono i propri servizi a vario titolo; parlare di maghi vuol dire avere fiducia nel fatto che possa esistere un qualcosa di altro.
La magia è una fede e non risponde ad alcuna logica, come evidenziato dal sito del mago Ismael.

Un mago è una persona che ritiene di avere doti divinatorie, fuori dal comune, che è in grado di intercettare forze misteriose: non un medium come spesso si tende a credere
generando confusione visto che le differenze tra medium e mago sono evidenti.

Una persona con poteri magici
che non necessariamente deve essere quella descritta da romanzi e film fantasy. Magia vuol dire anche pratiche di rilassamento e di esperienze sensoriali profonde; certo, spesso e volentieri si tracima anche in argomenti più borderline, come nel caso di comunicazione con spiriti, magia nera, fatture e quant’altro. Tutto sta nel saper distinguere cercando di mettere da parte, per quanto possa essere complesso, lo scetticismo iniziale.

D’altra parte oggi la magia è un tema molto richiesto e lo stesso web pullula di siti e portali che trattano il tema da diversi punti di vista. Segno evidente di quanto la gente comune sia attratta da questa tematica.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: