Allenarsi a casa sarà la nuova tendenza

Allenarsi a casa sarà la nuova tendenza

331
0
CONDIVIDI

Allenarsi a casa rappresenta la nuova tendenza indotta dal propagarsi del coronavirus. Se già prima del Covid-19 erano molte le persone che utilizzavano la propria abitazione per curare la propria condizione fisica, nei prossimi mesi questo numero è destinato ad aumentare in maniera esponenziale. Andiamo di conseguenza a vedere quali possono essere i modi migliori per farlo.

Acquistare l’attrezzatura idonea

L’allenamento all’interno della propria abitazione può essere condotto anche in mancanza di attrezzatura specifica. Va sottolineato come in questo caso l’allenamento a corpo libero risulti notevolmente più complicato di quello che può invece essere portato avanti tramite utilizzo di strumenti come i bilancieri, i manubri, gli elastici e i fitball. 
Allo stesso tempo, chi è alle prime armi dovrebbe senz’altro evitare il ricorso a macchinari troppo complessi, che possono rivelarsi un autogoal anche dal punto di vista puramente economico. Molto utile può ad esempio rivelarsi una panca multifunzione, che non costringe ad esborsi notevoli. In particolare l’addome può essere allenato a corpo libero, con il plank tanto in voga negli ultimi periodi a casa ma anche nelle palestre: una metodologia molto diffusa, come si può leggere sulla seguente pagina di consigli per plank https://www.corpoperfetto.com/plank-esercizi/.

Esercizi semplici, ma proficui

Una volta chiarito il discorso relativo all’attrezzatura, si può quindi passare ad alcuni esercizi che possono risultare semplici da effettuare, ma anche molto proficui. Tra di essi occorre ricordare in particolare:

  1. salto della corda;
  2. salita e discesa dalle scale.

Chi ha invece già provveduto a dotarsi di apparecchiatura d’emergenza, ad esempio in quanto lavorando sino a tardi trova chiuse le palestre, un ausilio non indifferente può arrivare dalla cyclette. Bastano sedute di 20 minuti ogni due giorni per conseguire risultati importanti.

Allenarsi a casa: molti pro e anche qualche controindicazione

Allenarsi a casa in questo periodo, quindi, non è solo possibile, ma anche consigliabile per non dover restare fermi troppo a lungo. Occorre ricordare che a fronte di molti vantaggi, insiti in ogni attività motoria esistono anche alcune controindicazioni da tenere nel debito conto.
Tra i secondi, in particolare, vanno ricordati i rischi che possono derivare da movimenti ripetitivi che siano eseguiti in maniera scorretta. Una pratica che può infine comportare anche traumi e infortuni da non sottovalutare.
Altra pratica da evitare è poi quella consistente nell’eseguire movimenti caratterizzati dalla fretta o senza prestare la dovuta attenzione, magari perché si sta contemporaneamente utilizzando il proprio smartphone.

L’importanza della preparazione 

Per potersi allenare a casa è assolutamente fondamentale la fase di riscaldamento e stretching preliminare. Troppi, infatti, commettono l’errore di passare direttamente al work-out saltandola. In tal modo aumentano a dismisura i rischi di traumi e strappi muscolari nel corso della seduta di lavoro vera e propria.
Il riscaldamento deve essere fatto per una decina circa di minuti, ad esempio con una corsa sul posto o con esercizi specifici sui muscoli maggiormente sollecitati nel corso della seduta. Lo stretching dovrebbe anche essere ripetuto alla fine della stessa, per consentire il rilassamento del corpo.

Nessun commetno

Lascia una risposta: