Investire in oro: differenze tra oro fisico (lingotti e monete) ed oro...

Investire in oro: differenze tra oro fisico (lingotti e monete) ed oro finanziario

277
0
CONDIVIDI

L’oro continua, come sempre nei momenti di crisi dei mercati, ad essere un asset di riferimento per chi intende investire i propri soldi mettendoli al sicuro, senza dover correre gli evidenti rischi connessi con l’investimento finanziario di altro genere

Basta in effetti guardare i grafici relativi alla sua quotazione riferita agli ultimi 5 anni per notarne la sostanziale stabilità sino all’inizio di quello in corso; da gennaio ad oggi si sta poi registrando un’ulteriore crescita sulla quale influiscono una serie di crisi geopolitiche che potrebbero deflagrare nei prossimi mesi.
Prima di investire in oro occorre conoscere questo prezioso metallo per capire cosa si sta facendo: il punto di partenza è quello di comprendere che è possibile investire in oro seguendo due distinte strade, ovvero puntando sull’oro fisico o sulla sua versione finanziaria.

Cos’è l’oro fisico e come investirci

L’investimento in oro fisico presuppone il vero e proprio possesso diretto del metallo, sotto forma di lingotti, gioielli e monete. Si tratta di un modo tradizionale di investire, ancora oggi molto utilizzato in ogni parte del globo, anche se comporta la necessità di conservarlo in modo sicuro.
Un investimento di questo genere è appannaggio solitamente sia di soggetti privati che di grandi banche ed enti istituzionali. In particolare e sempre più diffuso il traffico di lingotti d’oro, chevengono prodotti anche in ridotte dimensioni, composti di oro puro al 99,99%, alla portata quindi dei piccoli risparmiatori, anche se può rivelarsi impegnativa la loro custodia.
Acquistare lingotti in oro porta ad un potenziale guadagno che può essere realizzato solo nel caso in cui la quotazione del metallo salga dal momento in cui è avvenuto l’acquisto

L’oro finanziario

Come per tanti altri asset, anche per l’oro sono presenti alcuni strumenti finanziari legati al prezzo del metallo fisico sui quali si possono imbastire operazioni tese a sfruttarne le oscillazioni di prezzo. Il trading online sull’oro si fonda su strumenti quotati in borsa come ETC, futures, CFD, opzioni binarie e azioni in società minerarie.
Per poter condurre operazioni di questo genere è obbligatorio iscriversi ad una piattaforma che opera sul web ed aprire un account. Nel farlo occorre prendere in considerazione una serie di fattori i quali possono indirizzare verso un broker serio, evitando le trappole tese da operatori poco affidabili o addirittura autori di ripetute truffe ai danni di incauti aspiranti trader.
Il vantaggio, in questo caso, è che si può guadagnare anche nel caso di una flessione della quotazione del metallo, a patto di saperla prevedere, utilizzando all’uopo capacità di analisi predittiva. Una dote che non è di tutti.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: