Pizzarotti accoglie in Comune 92 nuovi piccoli “parmigiani”

Pizzarotti accoglie in Comune 92 nuovi piccoli “parmigiani”

428
0
CONDIVIDI

Ben 92 bambini di nazionalità diversa, nati e residenti a Parma, sono da oggi “parmigiani”. Il sindaco Federico Pizzarotti, insieme all’assessore alla Partecipazione Nicoletta Paci, e al consigliere aggiunto Marion Gajda hanno infatti conferito ai bambini l’attestazione di appartenenza alla città. La cittadinanza civica.

Una cerimonia che ha coinvolto 54 famiglie di nazionalità diversa – albanese, camerunense, filippina, ghanese, indiana, ivoriana, marocchina, moldava, nigeriana, pachistana, tunisina, congolese, etiope e colombiana – con bambini nati da genitori residenti in Italia e a Parma da almeno 5 anni, che non sono in possesso della cittadinanza italiana. La cittadinanza civica, che non ha valore legale per l’attuale legge italiana, rappresenta un riconoscimento simbolico dell’appartenenza alla comunità cittadina di quelle famiglie che hanno scelto di stabilirsi a Parma e di far crescere qui i propri figli.

Proseguiamo da diversi anni con questa iniziativa – ha detto il sindaco Pizzarotti – per fare sentire tutti parte di una città e di un’identità. Quella di Parma e delle altre città, ovunque si sta contaminando di culture e modi di vivere che vengono da più o meno lontano. Anche sul Ponte delle Nazioni abbiamo scelto di far sventolare oltre a bandiere d’Europa e a bandiere simboliche in particolar modo le bandiere dei Paesi delle Comunità che più sono rappresentate a Parma“.

Nessun commetno

Lascia una risposta: