Sei Nazioni donne: tre “furie” del Colorno per fermare l’Inghilterra a Reggio

Sei Nazioni donne: tre “furie” del Colorno per fermare l’Inghilterra a Reggio

1045
0
CONDIVIDI

Due “furie” del Rugby Colorno in campo e una pronta a subentrare dalla panchina nelle 23 che il Ct Andrea Di Giandomenico ha scelto per affrontare la prima dei 6 Nazioni femminile con l’Inghilterra. Nel XV ci sono il secondo centro Michela Sillari e l’apertura Veronica Madia, a disposizione c’è invece il pilone Silvia Turani. Non sarà una gara facile contro le campionesse in carica, capaci di battere tutte le avversarie nell’edizione 2017. Ma le ragazze di Di Giandomenico non sono certo tipe da lasciarsi intimorire. Così, dal fischio d’inizio, fissato per le 18.30 di domani, domenica, allo stadio Mirabello di Reggio Emilia sarà battaglia vera. Pallone su pallone. L’Inghilterra non è mai stata sconfitta in gara ufficiale da Sara Barattin e compagne, ma è l’unica delle cinque avversarie del Sei Nazioni: l’Italia femminile è presente nel prestigioso torneo dal 2007 e vanta il quarto posto nel 2015 e il terzo nel 2016 con ben 3 vittorie.

Ma nella città del Tricolore fin dal mattino sarà grande festa per l’Italia delle donne della palla ovale. Dalle 11 ai campi della Canalina – casa del Rugby Reggio società organizzatrice della sfida internazionale – si terrà un torneo delle rappresentative regionali juniores Under 14, Under 16 e Under 18 con circa 250 giocatrici suddivise in 18 formazioni in rappresentanza di 6 Comitati Regionali della Federazione Italiana Rugby: Emilia-Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Toscana e Veneto. Le fasi finali si concluderanno alle 16 circa. Poi si andrà allo Stadio Mirabello, dove, dalle 16, nel villaggio ovale sarà possibile seguire su maxischermo l’esordio della Nazionale al Sei Nazioni 2018 contro l’Inghilterra grazie alle immagini di Dmax in diretta dallo Stadio Olimpico di Roma.

Le Azzurre si presentano a questo primo appuntamento molto rinnovate, dopo che ben sette atlete hanno lasciato il gruppo azzurro al termine dell’ultimo mondiale della scorsa estate in Irlanda. Unico test-match per la nuova Italia femminile quello di novembre a Biella perso 41-21 contro la Francia. Delle 23 giocatrici selezionate per sfidare le inglesi domani a Reggio Emilia, 4 sono esordienti – tutte in panchina – e 5 hanno fatto il loro esordio proprio a novembre. Non manca però l’esperienza, soprattutto nel reparto delle trequarti diretto da capitan Barattin alla sua 78esima maglia azzurra.

Cominciamo il torneo rinnovati ma contenti delle nuove ragazze che hanno meritato la possibilità di far parte dell’Italia – ha detto l’head coach Andrea Di Giandomenico, che ha il suo quartier generale alla Cittadella del Rugby di Parma -. Non mi riferisco solo a queste 23 giocatrici ma a tutto il gruppo. Il campionato italiano è in crescita: sta aumentando numero delle squadre e qualità. Sempre più ragazze hanno capito la strada del lavoro, necessaria per raggiungere obiettivi alti come la maglia Azzurra”.

E’ una squadra che non ha bisogno di presentazioni: forte in ogni reparto – ha poi aggiunto il tecnico azzurro parlando dell’Inghilterra -. Sarà una gara dura ma siamo fiduciosi per la nostra prestazione. Sarà un banco di prova importante per il nostro futuro: la partita ci darà delle indicazioni importanti. Lo spirito delle ragazze é positivo: ci siamo preparati bene, le atlete sono pronte. Non guardiamo al calendario, ogni partita inaugurale avrebbe presentato difficoltà, non ci spaventa questo impegno contro le campionesse in carica. Anzi lo vediamo come un ottimo test con risvolti positivi per andarci a testare e far capire subito al nuovo gruppo quali siano le esigenze per competere in questo Sei Nazioni. Da domenica sera ragioneremo come proseguire questo torneo; concentrati e lavorando come sempre abbiamo fatto focalizzandoci sulla nostra prestazione. L’Italia femminile deve esprimere il meglio del proprio potenziale, sarà il campo a darci il responso a livello di risultati”.

ITALIA – INGHILTERRA
Sei Nazioni femminile – Domenica 4 febbraio ore 18.30 – Stadio Mirabello di Reggio Emilia

ITALIA
15 Manuela FURLAN (Iniziative Villorba Rugby), 61 caps
14 Sofia STEFAN (Stade Rennais Rugby, FRA), 33 caps
13 Michela SILLARI (Rugby Colorno), 39 caps
12 Beatrice RIGONI (Valsugana Rugby Padova), 22 caps
11 Maria MAGATTI (Rugby Monza 1949), 21 caps
10 Veronica MADIA (Rugby Colorno), 7 caps
9 Sara BARATTIN (Iniziative Villorba Rugby) 77 caps – capitano
8 Isabella LOCATELLI (Rugby Monza 1949), 16 caps
7 Elisa GIORDANO (Valsugana R. Padova), 27 caps
6 Ilaria ARRIGHETTI (Stade Rennais Rugby, FRA), 30 caps
5 Valeria FEDRIGHI (Saracens , ING), 8 caps
4 Valentina RUZZA Valsugana R. Padova), 19 caps
3 Lucia GAI (Stade Rennais Rugby, FRA), 52 caps
2 Melissa BETTONI ((Stade Rennais Rugby, FRA), 41 caps
1 Eleonora RICCI (C.R.A.T. La Coruña, SPA), 1 cap

A disposizione:
16 Silvia TURANI (Rugby Colorno), 1 cap
17 Giorgia DURANTE (Montebelluna Rugby 1977, tutorata Benetton Treviso), esordiente
18 Michela MERLO (Rugby Mantova, tutorata Rugby Colorno), esordiente
19 Giordana DUCA (Frascati Rugby Club 2015), esordiente
20 Beatrice VERONESE (Valsugana R. Padova), 1 cap
21 Arianna CORBUCCI (Frascati Rugby Club 2015), esordiente
22 Jessica BUSATO (Inziative Villorba Rugby), 1 cap
23 Aura MUZZO (Iniziative Rugby Villorba), 1 cap

All. Andrea DI GIANDOMENICO

Inghilterra: Kildunne, Dow, Cattell, Burford, Waterman, Daley-Mclean, Riley; Hunter (cap), Packer, Cleall, Taylor, Scott, Bern, Davies, Clark (A disposizione: Cokayne, Cornborough, Lucas, Burnfield, Noel-Smith, Mattinson, Harrison, Pearce) All. Middleton

Arbitro: Tim Baker (Hong Kong)

Assistenti: Clara Munarini (FIR) e Barbara Guastini (FIR)

TMO: Kevin Beggs (Irlanda)

Quarto uomo: Maria Ausilio Paparo (FIR)

La gara tra Italia ed Inghilterra di Reggio Emilia sarà trasmessa in diretta tv su Eurosport 2  con telecronaca di Andrea Gardina.

Nessun commetno

Lascia una risposta: