Morte di Enrico Carra in ospedale: indagati per tentato omicidio Fanelli, Barbagallo...

Morte di Enrico Carra in ospedale: indagati per tentato omicidio Fanelli, Barbagallo e Meschi

11152
0
CONDIVIDI

Il professor Guido Fanelli, la collega della seconda Anestesia del Maggiore, Maria Barbagallo, e il primario di Medicina interna dell’ospedale Maggiore sono indagati con l’accusa di concorso in tentato omicidio volontario. Mentre è ancora in corso l’inchiesta che ha portato all’operazione Pasimafi del Nas dei Carabinieri di Parma, che ha scoperchiato un giro di accordi illeciti tra medici e case farmaceutiche, un nuovo fasciolo d’indagine – indipendente dal primo – è stato aperto in Procura dal pm Fabrizio Pensa. Riguarda la morte in ospedale, lo scorso 18 aprile, di Enrico Carra, 59 anni, ex marito di Tiziana Meschi, primario di Medicina interna e Lungodegenza critica e direttrice del Dipartimento geriatrico riabilitativo.

Sembra si tratti di un’indagine scattata d’ufficio, senza denunce da parte di familiari dell’uomo. Enrico Carra sarebbe arrivato in ospedale in gravi condizioni in seguito a un malore, ma subito dopo il quadro clinico sarebbe precipitato fino al decesso avvenuto il 18 aprile scorso. La Procura adesso vuole vederci chiaro  e il pm Pensa ha affidato l’incarico al medico legale Dario Raniero dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Verona, per effettuare l’autopsia sul corpo di Enrico Carra. Gli inquirenti vogliono capire non solo quale sia stato il motivo del decesso, ma anche se le cure ricevute in ospedale siano state adeguate al caso.

Nessun commetno

Lascia una risposta: