All’asta la Villa del Ferlaro per “soli” 250 mila euro

All’asta la Villa del Ferlaro per “soli” 250 mila euro

5155
0
CONDIVIDI

Alla duchessa Maria Luigia d’Austria costò 300 mila lire parmigiane, oggi va all’asta con una base di 250 mila euro. È la Villa del Ferlaro di Collecchio, con il parco che arriva fino a Sala Baganza, nel cuore dei Boschi di Carrega. Ben 56,5 vani, oltre ad altri fabbricati di servizio per ulteriori 8 vani e il parco circostante di complessivi 13.18.99 ettari.

Progettata dall’architetto Paolo Gazzola, la villa in stile neoclassico – oggi location per cerimonie ed eventi – è stata costruita fra il 1828 e il 1931 e dotata subito dopo di uno splendido parco all’inglese. Nella sua storia secolare, la villa è stata poi dei Borbone Parma, di Casa Savoia dopo l’unità d’Italia, quindi dell’ingegnere Severino Grattoni, come compenso per la progettazione e direzione dei lavori del traforo ferroviario del Frejus. La Villa del Ferlaro passa poi ai principi Carrega, quindi alla famiglia Salvarani delle famose cucine.

Oggi la struttura è di proprietà della Montecoppe Srl di Modena, al 100% della Iseo Spa dichiarata fallita. La villa andrà all’asta il prossimo 30 maggio. Una base d’asta che somiglia al prezzo di un anonimo appartamento – 250 mila euro, con rilanci minimi di 10 mila – per una villa carica di fascino e di storia. La cifra è quella fissata in una offerta pervenuta alla curatela ed è quella la base d’asta. Ma l’acquirente erediterà anche la situazione di diritto della proprietà, ovvero debiti, ipoteche e pignoramenti.

Nessun commetno

Lascia una risposta: