Felegara, comandante dei Vigili investito e ucciso da un’auto durante un posto...

Felegara, comandante dei Vigili investito e ucciso da un’auto durante un posto di blocco – l’investitore arrestato per omicidio stradale: era ubriaco

928
0
CONDIVIDI

Gravissimo episodio ieri sera, venerdì 29 settembre verso le ore 23.

Il Comandante dei Vigili di Medesano Mauro Dodi, 49 anni, in carica dal 2012, è stato investito ed ucciso mentre stava effettuando alcuni rilievi per un incidente in via Repubblica a Felegara.

Sul posto sono arrivati i soccorritori del 118, due ambulanza e un’automedica, che, dopo averlo stabilizzato e intubato sul posto, hanno trasportato l’uomo al Pronto Soccorso dell’Ospedale Maggiore, dove è deceduto poco dopo mezzanotte.

Dodi, nel corso di un posto di blocco per i controlli stradali di routine, avvedutosi dell’arrivo di un’Opel Meriva a forte velocità, avrebbe cercato di intimarle l’alt, finendo però travolto dall’auto stessa, che ne ha poi tamponato un’altra, una Fiat che stava ripartendo dopo il controllo, per poi ribaltarsi.

L’uomo alla guida, un operaio parmigiano di 36 anni, senza precedenti, è risultato avere un tasso alcolemico di 0,8: 0,3 sopra il consentito dalla legge, e dopo i controlli di legge è stato arrestato per omicidio stradale. Solo ferite lievi per i due ragazzi a bordo della Fiat.

E’ il secondo arresto per omicidio stradale in Provincia, dopo quello dell’agosto 2016: in quel caso, in un tragico schianto a Viarolo perse la vita Simone Zarotti (LEGGI), per quell’incidente è stato condannato a due anni e otto mesi il 18enne alla guida con il solo patentino per i motorini (LEGGI).

Dal 1 gennaio al 31 agosto 16 incidenti causati dall’abuso di alcool:

I Carabinieri rendono noto un primo bilancio dei controlli stradali.   – 1086 persone controllate, di cui 155 sono risultate positive all’alcool test

– 90 verifiche per guida sotto effetto di droga: 18 positività;

– 245 sinistri stradali, 16 sono provocati da guida in stato di ebbrezza, 10 dall’eccesso di velocità.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: