Dialogo fra religioni, l’Arcivescovo Castellucci giovedì a Parma

Dialogo fra religioni, l’Arcivescovo Castellucci giovedì a Parma

665
0
CONDIVIDI

“Solo con l’altro. Il Cristianesimo, un’identità in relazione” è il titolo del libro fresco di stampa di monsignor Erio Castellucci. E l’arcivescovo di Modena giovedì 17 maggio alle 20.45 sarà a Parma per incontrare tutta la diocesi e parlare del rapporto fra il Cristianesimo e le altre religioni. L’appuntamento – non poteva essere altrimenti – è presso i Missionari Saveriani, in viale San Martino 8.

Annuncio o dialogo? Questo il tema di fondo del testo edito da Emi. Troppo spesso il pensiero teologico e la pratica della Chiesa, ad esempio quando si tratta di missione, si sono divise su questa (falsa) alternativa. Come se il dialogare con l’altro fosse cedere qualcosa della propria identità. E, di rimando, l’affermazione esplicita delle verità di fede rappresentasse una superba attestazione di fondamentalismo. Erio Castellucci, oggi vescovo ieri teologo e parroco sempre «in ascolto», come si è definito, ci accompagna in un viaggio della ragione e del cuore per capire che non esiste l’aut aut tra l’annunciare Cristo e il parlare con chiunque in spirito di reciproca attenzione.

Gli estremi da evitare sono l’integrismo da una parte e il relativismo dall’altra. Entrambe queste derive non tengono conto della singolarità della vicenda di Gesù, l’uomo-Dio che diventa modello per ogni credente invitato a dare ragione della propria fede, della speranza e della carità che lo anima. In queste pagine – che fondono sapientemente esegesi, teologia e vita quotidiana – monsignor Erio Castellucci vuol far comprendere come il confronto con le altre religioni, con la cultura secolare e la dimensione sociale diventano per tutti i cristiani occasioni propizie per mettere positivamente in circolo la propria adesione ai valori evangelici.

Nessun commetno

Lascia una risposta: