Pomodoro da Industria, ecco il piano fino al 2020

Pomodoro da Industria, ecco il piano fino al 2020

506
0
CONDIVIDI

L’Organizzazione interprofessionale del Pomodoro da industria del Nord Italia dalla prossima campagna supporterà l’attività di programmazione produttiva della filiera, incrementerà il proprio impegno in ambito di ricerca, avrà maggior capacità di intervento in caso di emergenze e valorizzerà ulteriormente la produzione del territorio di competenza. E’ quanto prevede il programma triennale delle attività 2018/2020 approvato dall’assemblea dell’Organizzazione che riunisce produttori e industria.

Quello che faremo in più rispetto al passato – spiega il presidente dell’Oi Tiberio Rabbonisarà, su richiesta dei soci, elaborare i dati necessari nella fase di programmazione delle superfici da coltivare e delle quantità di materia prima da trasformare in vista della stipula del Contratto quadro d’area e dei successivi contratti di fornitura ed impegni di conferimento. In sostanza l’OI, che resterà comunque fuori dalla trattativa per la determinazione del prezzo, non essendo questa un’attività di sua competenza, raccoglierà i dati relativi alle intenzioni di coltivazione delle Op (organizzazioni di produttori) e di trasformazione della componente industriale, sulla base delle condizioni di mercato della campagna precedente. Questi dati saranno elaborati in modo da ottenere un valore aggregato ed anonimo che sarà messo a disposizione degli associati, che potranno così prendere in sede di contratto quadro, al di fuori dell’OI come previsto dalle norme, le decisioni per la campagna 2018 sulla base di elementi analitici ed oggettivi”.

Confermato, poi, il compito di verificare gli impegni presi dalle parti in base al Contratto quadro e alle Regole condivise. “Anche qui c’è un’importate novità – aggiunge Rabboni – visto che qualora il Contratto quadro, in fase di definizione tra parte agricola ed industriale, prevedesse accordi dedicati alla produzione biologica, che come noto è in forte espansione, l’OI potrà svolgere le necessarie verifiche anche per questo comparto produttivo”.

Sarà incrementato l’impegno per il coordinamento di attività di ricerca e sperimentazione. “Cercheremo nuove forme di collaborazione e di confronto con altri enti – specifica Rabboni – in primis con il Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria, che opera anche relativamente al settore del pomodoro. Sarà interessante ed utile per tutta la filiera confrontarsi sull’attività di ricerca che sia l’OI, in particolar modo in merito alle prove varietali, che il Crea stanno svolgendo”.

L’OI potrà attivarsi in caso di emergenze o problematiche straordinarie riguardanti la filiera. L’Organizzazione potrà ricorrere a specifici strumenti – come accaduto nel corso del 2017 con l’istituzione di un fondo straordinario per anticipare gli indennizzi previsti per agricoltori colpiti dalla batteriosi Ralstonia Solanacearum – grazie ai quali poter intervenire in un contesto di emergenza per poter mitigare le problematiche.

Nelle regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto e nella provincia autonoma di Bolzano, territorio di competenza dell’Oi Pomodoro da Industria del Nord Italia, nel 2017 sono stati coltivati 36.707 ettari di pomodoro con il coinvolgimento di circa 2mila produttori agricoli (raggruppati in 14 Op, organizzazioni di produttori) e 28 stabilimenti di trasformazione (facenti capo a 21 diverse imprese) per la lavorazione di circa 2,7 milioni di tonnellate di pomodoro grazie alle quali è stato possibile produrre concentrati, polpe e passate.

Nessun commetno

Lascia una risposta: