Comune, 29 milioni di euro per l’illuminazione pubblica

Comune, 29 milioni di euro per l’illuminazione pubblica

275
0
CONDIVIDI

Ammonta a circa 29 milioni di euro la somma che verrà investita nei prossimi 18 anni per la riqualificazione, efficientamento e telecontrollo degli impianti di illuminazione pubblica. Nelle prossimo triennio l’investimento in questo settore sarà pari a circa 3 milioni e 800 mila euro.

La Giunta comunale ha dato il via libera, in questo ambito, al piano presentato dalla ditta Gemmo Spa che si è aggiudicata l’appalto di rilevanza europea e che provvederà a dare seguito al piano di riqualificazione dell’illuminazione pubblica.

Si tratta di un piano ambizioso che prevede interventi di efficientamento energetico legati alla sostituzione dei corpi illuminanti con illuminazione LED; la sostituzione dei pali di sostegno laddove necessario, il telecontrollo del sistema di illuminazione pubblica con la possibilità di verificarne in tempo reale il funzionamento a distanza. Attraverso l’adeguamento tecnologico degli impianti sarà possibile per il Comune ridurre l’inquinamento, migliorare la sicurezza dei cittadini, promuovere un sistema più efficace ed efficiente con riduzione dei costi di gestione e manutenzione.

Il progetto prevede, nell’arco di due anni, la sostituzione di oltre mille pali di illuminazione ammalorati, l’installazione di 24.612 nuovi apparecchi illuminanti LED e una implementazione dell’estensione degli impianti per 3.535 metri. Attualmente sul territorio del Comune di Parma sono presenti 36.613 punti luce; 836 quadri e 1.100 chilometri di linee di distribuzione.

La rete di illuminazione pubblica della città si rinnova a guarda al futuro in una prospettiva di città smart, una città, quindi, intelligente in grado di investire sulle infrastrutture che possono dare un apporto determinante in questo senso come la rete di illuminazione pubblica che ha grandi potenzialità per quanto riguarda il futuro: la rete di illuminazione pubblica costituisce, infatti, una infrastruttura capillare sulla quale sarà possibile implementare sistemi integrati per la smart city quali servizi di connettività locale, telecamere di videosorveglianza intelligenti in grado di fornire dati già aggregati, utili per statistiche e altre funzioni. Più in generale sarà possibile implementare diverse tipologie di sensori in grado di comunicare tra loro, fornendo un valido supporto infrastrutturale all’implementazione dei servizi finalizzati all’aumento della sicurezza cittadina, della mobilità sostenibile, del monitoraggio ambientale e della connettività locale.

Il piano approvato dalla Giunta avrà significative ricadute da un punto di vista ambientale: i nuovi corpi illuminanti a LED, infatti, permetteranno un risparmio energetico pari al 65 %, passando da un consumo medio annuo di circa 22 milioni di kilowattora a 7 milioni equivalenti a 4.670 tonnellate di Anidride Carbonica – CO2 – non emesse in atmosfera. Anche da un punto di vista di incidenza luminosa i nuovi apparati garantiranno un maggior confort visivo, coniugato ad una corretta illuminazione della sede stradale e delle aree pubbliche, adottando una temperatura di colore pari a 3.000 Kelvin, tenendo in massimo conto, ben oltre le prescrizioni, le indicazioni contenute nella direttiva specifica della regione Emilia Romagna.

GLI ALTRI PROGETTI APPROVATI DALLA GIUNTA PIZZAROTTI

Ammonta a circa 165 mila euro la somma stanziata dal Comune per dare seguito al progetto esecutivo di restauro e consolidamento del ponte di San Rocco sul canale Galasso a Parma, in carico alla società Parma Infrastrutture Spa. L’intervento sulla volta del ponte prevede il rinforzo della volta in muratura con una doppia armatura in cemento armato e l’inserimento di barre di metallo volte a migliorarne la stabilità e la robustezza nella parti infrastrutturali.

Per dare seguito agli interventi di consolidamento strutturale verranno smontati i parapetti realizzati in muratura e mattoni pieni, che saranno, poi, ricostruiti utilizzando i vecchi mattoni e nuovi elementi laddove necessario in modo da non modificare le caratteristiche estetiche dell’antico manufatto risalente alla seconda metà del XIX secolo. E’ prevista, inoltre, la rimozione dell’attuale fondo stradale e la realizzazione di una nuova massicciata stradale con materiali idonei per tutta la lunghezza del ponte ed in raccordo con la viabilità esistente per 50 metri oltre il ponte da entrambi i lati.

Ammonta invece a 75 mila euro la somma stanziata dal Comune per dare seguito al progetto di adeguamento e riqualificazione dell’impianto di illuminazione del percorso espositivo della Pinacoteca Stuard, in carico alla società di scopo del Comune, Parma Infrastrutture Spa. Per questo intervento il Comune ha ottenuto un contributo di 40 mila euro dalla Regione Emilia Romagna. Gli apparecchi illuminanti saranno dotati di illuminazione a Led, con la previsione di ridurre i costi di illuminazione.

Via libera della Giunta comunale, infine, al progetto esecutivo per la sistemazione delle aree verdi esterne nella scuola dell’infanzia Archimede e del nido d’infanzia Scarabocchio. L’assessorato ai lavori pubblici, guidato da Michele Alinovi, ha stanziato 47 mila euro per dare seguito ai due interventi. Nella scuola d’infanzia Archimede, il progetto prevede la riqualificazione dell’area esterna e piccoli interventi nella parte interna. Per quanto riguarda l’area esterna, è prevista la pulizia complessiva dell’area con la rimozione di macchie di vegetazione spontanea e irregolare e delle ceppaie rimaste al seguito del taglio di alcune alberature. Verrà realizzato un nuovo tappeto erboso e collocata una nuova siepe perimetrale, con un nuovo impianto di irrigazione. A questo si aggiunge la realizzazione del nuovo cancello di ingresso su via San Leonardo e la demolizione di una porzione del muretto perimetrale. Verrà, poi, collocata una nuova pavimentazione antitrauma, sistemate le aiuole e la pavimentazioni in autobloccanti. Sono previsti interventi di manutenzione anche per la piccola struttura che ospita i contatori. All’interno della scuola verranno sistemate porzioni di intonaco nei servizi igienici e nello spazio didattico del primo piano; è previsto un nuovo controsoffitto fonoisolante e fonoassorbente nello spazio didattico,sempre al piano primo e la posa di nuovo manto impermeabile sulla terrazza con interventi di miglioramento della grondaia.

Al nido d’infanzia Scarabocchio è prevista la realizzazione di un nuovo cancello pedonale, previa demolizione di una porzione dell’attuale recinzione e la realizzazione del vialetto pedonale con relativo sistema di scolo delle acque meteoriche, a cui si aggiunge la sistemazione dell’intonaco dei pilastri del cancello esistente.

Nessun commetno

Lascia una risposta: