Farm Run Noceto, un successo annunciato. Ecco le classifiche finali

Farm Run Noceto, un successo annunciato. Ecco le classifiche finali

1124
0
CONDIVIDI

Griglia-TubiQuasi 400 atleti pronti a darsi battaglia, dal cielo arriva un Pitts S2B, un velivolo acrobatico dell’Aeroclub di Parma, che si lancia giù in picchiata verso il campo di gara per un passaggio a testa all’ingiù e il tradizionale battito d’ali che a Noceto scatena l’inferno. E’ il via alla seconda edizione della Farm Run, la tappa parmigiana del campionato italiano MudRun cheapre le porte alla European Championships.

I primi a partire sono l’elite di specialità, praticamente tutti presenti a Noceto, e dopo circa un ora è venuto il momento degli atleti non competitivi a buttarsi nell’impegnativo campo di gara allestito da Giuseppe Ronchini e Maurizio Minotti. 22 ostacoli, ben distribuiti su un tracciato di 6 km, da percorrere per due volte. Buche di fango in sequenza, muri e balloni di fieno da fare rotolare avanti e indietro, tubi inclinati e scivolosi da scalare, barriere di balloni o carri o tralicci da superare in salto o da scalare, prove all’interno del maneggio e i suoi tradizionali ostacoli adattati per l’occasione, un tuffo in un carro di acqua e pomodori, un passaggio in un inquietante tunnel di 35 metri e tanto fango (vedi galleria fotografica).

Immersione-fango-con-reteProve durissime che spezzano il fiato, stancano i muscoli ma servono a non perdere la concentrazione per tentare i due ostacoli più selettivi, il Quarter Pipe, un muro concavo di 4 metri d’altezza e le Barre traverse a pioli estraibili, da percorrere in sospensione con la sola forza delle braccia.

Il Podio finale

 

Maschile singolo Femminile singolo Classifica “TEAM”
1° Colombo Stefano

2° Bianchi Eugenio

3° Ansacov Veaceslav

1° Cusseau Ginevra

2° Poletti Federica

3° Gelonese Giada

1° Inferno team

2° Invictus Team

3° Merrell Team

 

Team-Inferno
Team Inferno
Team-Invictus
Team Invictus
Team_Merrel
Team Merrel

Giudizi favorevoli per l’organizzazione di una gara disputata in uno straordinario clima di gioia. “Mi sembra che sia andata bene – ha commentato a fine gara Lamberto Colla, il terzo degli organizzatori, insieme a Ronchini e Minotti, e responsabile della comunicazione di Acme Asd – ho raccolto commenti molto lusinghieri che ci ripagano degli sforzi e delle fatiche. Quest’anno avevamo deciso di alzare il livello per mettere alla prova i nostri limiti e, si sa, l’appetito vien mangiando, siamo andati ben oltre quello che erano le nostre risorse. E’ stata una sfida che, in certi momenti, temevamo di non riuscire a vincere e invece, ora raccogliamo il più bel premio che potessimo ricevere che è appunto la soddisfazione piena di questi straordinari atleti. Ci siamo messi alla prova e ora abbiamo perfetta coscienza di quello che sono i nostri limiti e andremo, subito da settembre, a impostare la strategia per la prossima edizione per ridurre ancor più, nella speranza di annullare, la casistica di errori e incidenti di natura tecnica sul percorso. Le basi ci sono tutte – continua Colla – e auspichiamo di mantenere l’appoggio di Merrell, Errea, di Birra Bavaria, Red Bull, Vibram, Banco Emiliano, e I-EXE oltre ai partner locali che ci auguriamo possano crescere, per elevare sensibilmente la qualità dell’evento”.

C’è da osservare che il territorio ha risposto agli inviti dell’organizzazione a predisporre un’accoglienza “familiare” a offrire quello che di meglio il Parmense può dare in termini di ospitalità, bellezze paesaggistiche, cultura e tradizioni eno-gastronomiche ma anche l’aspetto della salute e del benessere è stato proposto all’attenzione del pubblico grazie alla tradizione termale riconosciuta a Salsomaggiore e alle sue Terme.
“La gara doveva rappresentare il “Piatto del Buon Ricordo” per i tantissimi atleti provenienti da tutt’Italia e dall’estero – prosegue Lamberto Colla – e perciò non poteva restare isolata dal contesto, ma una occasione per promuovere il territorio. E il territorio ha risposto bene, abbiamo realizzato convenzioni con ristoratori, piscine, catene alberghiere e un’agenzia turistica specializzata. Abbiamo ottenuto il patrocinio, oltre che dal Comune di Noceto, anche dall’amministrazione comunale di Parma e dalla Camera di Commercio e l’appoggio della Uisp anche regionale. Ci ha fatto piacere che stamattina sia venuto a farci visita Mauro Rozzi che è appunto il responsabile regionale e consigliere nazionale dell’organizzazione sportiva. Il territorio ha risposto anche nel sostegno logistico alla gara dando un servizio eccellente e cordiale. Dal Gruppo Alpini all’Avis, dalla Pro Loco alla Protezione Civile e infine la Polizia municipale, Croce Rossa e Croce Verde nessuno è mancato all’appuntamento con l’evento, compreso alcune imprese locali che hanno donato prodotti per premiare gli atleti classificati, come ad esempio il Consorzio del Parmigiano Reggiano, Casa Modena, l’azienda di integratori alimentari nocetana AVD Reform, la Scuderia Bolgnina di Noceto, per citarne alcune piuttosto che il Caseificio Bertinelli che ha allestito il “Terzo Tempo”, Farm Fun, oltre al servizio di intrattenimento prima durante e dopo la gara. Ma un ringraziamento particolare – conclude Lamberto Colla – deve andare anche agli amici che si sono cimentati nel delicato compito di giudice di ostacolo che, con autorevolezza e precisione, hanno fatto rispettare le regole di superamento degli ostacoli nel rispetto del regolamento che avevamo predisposto e codificato in precedenza e, ovviamente, pubblicizzato sul sito. Ma sull’attrattività turistica dovremo puntare ancora di più il prossimo anno. Quest’anno abbiamo provato e la risposta è stata positiva a conferma della nostra ipotesi. Dovremo lavorare molto di più in quella direzione”.

Alla manifestazione di Noceto erano presenti anche il presidente del Campionato Mud Run Mauro Leoni – che oltre a cimentarsi nel percorso, ha partecipato alle premiazioni – e il vicepresidente Alberto Rovera che ormai è lo speaker ufficiale della gara. E’ stato lo stesso Rovera, durante il breafing, a ricordare l’amico e grande atleta Ivan Mirto, scomparso pochi giorni fa, il quale ha ricevuto un caloroso, quanto commosso applauso dagli atleti proprio durante l’ultimo passaggio di Mauro Raffaini, il pilota acrobatico che ha idealmente dato il via alla gara. In chiusura, il vicesindaco di Noceto Daisy Bizzi ha ringraziato tutti per il grande spettacolo, annunciando il sostegno dell’amministrazione comunale anche per il prossimo anno.

Nessun commetno

Lascia una risposta: