Sciopero degli operatori igiene ambientale: “Rinnovo contratto fermo da due anni”. Pizzarotti:...

Sciopero degli operatori igiene ambientale: “Rinnovo contratto fermo da due anni”. Pizzarotti: “Avete la mia solidarietà, sarò portavoce all’Anci” (FOTO)

1398
0
CONDIVIDI

Stamattina, davanti al Municipio in Piazza Garibaldi, gli operatori del servizio di igiene ambientale erano in sciopero per il rinnovo del contratto nazionale scaduto da due anni e mezzo. La manifestazione proseguirà per tutta la giornata.

A dare il suo appoggio anche il sindaco Federico Pizzarotti che, mentre si recava in municipio, si è fermato a parlare con i manifestanti promettendo di portare la questione alla sensibilità delle riunioni Anci, l’Associazione nazionale Comuni Italiani.

Lo sciopero scorso che si è tenuto il 30 maggio, ebbe un’altissima adesione in tutti i territori e registrò l’interessamento dell’Anci per le imprese pubbliche e la ripresa della trattativa con Fise per il settore privato. Nessun risultato positivo era arrivato per la conclusione della vertenza contrattuale.

Ad appoggiare i lavoratori FP CGIL, FIT CISL, UIL TRASPORTI e FIADEL. La vertenza continua ad essere durissima per le regole sugli appalti e sui passaggi di gestione, le garanzie sulla salute e sulla sicurezza, le clausole sociali e il giusto adeguamento economico.

“Siamo qui per chiedere il rinnovo del contratto che è fermo da due anni. Questa è la seconda giornata. Il 30 maggio abbiamo avuto una partecipazione del 95% a livello nazionale – spiega Simona Fiorenza di Uil Trasporti – Anche oggi c’è una grande partecipazione. A parte un aumento di stipendio che sarebbe di diritto visto che il contratto è fermo da 2 anni noi chiediamo cose più importanti. Vogliamo che vengano poste clusole sociali più forti. Con il Jobs Act abbiamo perso i diritti dei lavoratori quando avvengono i cambi di appalto. Con un nuovo appalto i dipendenti vengono ri-assunti come se fossero nuovi perdendo di fatto tutti i diritti acquisiti nella loro carriera. E’ una cosa inammissibile”

“Il sindaco è stato molto solidale – continua Fiorenza – e ci ha promesso che si farà portavoce alle riunioni dell’Anci visto che si erano già proposti come mediatori”.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: