È possibile oggi divenire un influencer?

È possibile oggi divenire un influencer?

123
0
CONDIVIDI

Sono tutti pazzi per i social network. Le persone amano passare il proprio tempo sopra le principali piattaforme di condivisione e postare foto e video di ciò che amano o che fanno durante la giornata. È divenuta la normalità aggiornare le proprie storie e il proprio feed, raccontando storie che ci fanno emozionare e ridere.

Nella mente delle persone, però, non c’è solo la voglia di condividere momenti felici o riflessioni, ma di diventare famosi o per meglio dire influencer. Sono sempre di più gli utenti che quando postano foto instagram lo fanno in maniera più professionale, cercando di attirare sempre più “mi piace” e followers, in modo da crescere ed essere notato dai grandi brand. I social si sono trasformati nel corso del tempo in un grande business alla quale è difficile non strizzare l’occhio. Questa figuraè sempre più ricercata, ma al giorno d’oggi è possibile diventare influencer? Proviamo a capirlo.

Cos’è e cosa fa un influencer

Prima di capire se oggi sia possibile diventare influencer, dobbiamo chiederci prima cos’è e cosa fa. Rispondere a queste due domande è piuttosto semplice: l’influencer è colui che ha il potere di influenzare le decisioni degli altri. In genere possono influenzare le idee di acquisto di una persona, sponsorizzando un determinato brand piuttosto che un altro, così come poter veicolare delle idee, come nel caso di Chiara Ferragni e Fedezcon la campagna di sensibilizzazione pro-mascherine. Esistono poi influencer che divulgano notizie scientifiche, come il caso Adrian Fartade, Barbascura X e tantissimi altri, che sono esempi di influencer che propongono messaggi di educazione culturale, in maniera creativa e divertente.

Sulla figura dell’influencer si è dibattuto molto, con la vecchia generazione che considera questa nuova frontiera del lavoro un modo per “non lavorare”, quando la realtà è ben diversa. Chi compie questo mestiere ha un potere enorme nelle mani, ovvero quello di spostare gli equilibri del business degli acquisti. Prendiamo sempre come esempio Chiara Ferragni. La popolare imprenditrice digitale, moglie del cantante Fedez (anche lui con il tempo divenuto influencer), ha iniziato condividendo i propri outfit online, per gioco. Le persone erano attirare dai suoi modi di vestire, iniziando a seguirla e facendo la sua fortuna. Giusto per dire: adesso è una delle persone più influenti al mondo, oltre a essere a capo di società multimilionarie importantissime.

Tutto ciò che bisogna fare è condividere contenuti online, che sia sito o social, e arrivare a più persone possibili e che possano trarne beneficio.

Ci sono troppi influencer per poter sfondare sui social?

Siamo nella parte centrale dell’articolo dedicato a questo mondo e ora possiamo rispondere alla domanda “è possibile al giorno d’oggi diventare influencer?”: sì, è possibile. Come dicono molti il mercato è saturo di persone che fanno gli influencer di professione, ma in realtà c’è da dire che si tratta di un mercato ben diverso da quello del “classico lavoro”. Le persone online vogliono sempre nuovi contenuti e nuove persone da seguire che gli diano fiducia. Per questo motivo al giorno d’oggi diventare influencer si può fare. Certo, ci sarà da battere la concorrenza, ma non è difficile.

Ovviamente più si va avanti con la scalata di questo ruolo è più aumentano le responsabilità. Ad esempio il brand e le aziende di prodotti non guardano più i grandi numeri come followers e like, ma vogliono capire come quella determinata persona comunica, che impatto mediatico ha, quali sono i contenuti che offre. Tutti fattori importanti per l’ascesa dell’influencer.

La scalata per il successo è sempre in movimento, non ci si ferma o arretra mai. Una volta preso lo slancio è impossibile fermarsi. Più si va avanti e più si diventa delle star del web e questo fa si che si lasci sempre più spazio sotto per altri personaggi che popoleranno lo spazio dei social. Anche i rapporti lavorativi cambiano nel tempo: inizialmente ci sarà il contatto con i piccoli brand, ma una volta che crescono i numeri cresceranno anche i rapporti con le grandi aziende, diventando anche Ambassador di quella marca.

Instagram e TikTok le piattaforme per diventare influencer

Sono certamente tanti i canali per poter diventare influencer, ma senza dubbio Instagram e TikTok sono quelli che più riescono a dare una spinta alla stella del domani. Sebbene questa figura vede i suoi inizi con YouTube (sono loro le prime web star), l’influencer come lo conosciamo oggi predilige canali comunicativi veloci e istantanei, come quelli di condivisione foto e video di pochi secondi: Instagram e TikTok. Su questi siti si trovano subito collaborazioni con brand, in quanto i due social hanno una potenza commerciale senza precedenti, andando quindi ad aumentare quello che è il commercio di determinati marchi.

Instagram e TikTok danno spazio alla creatività e a nuovi modi di comunicare, anche con semplici foto e video. È quello che cercano i brand: modi simpatici e indiretti per sponsorizzare un prodotto. Questa è la chiave del successo per diventare influencer.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: