Crisi Italia, Pizzarotti: “Serve stabilità per l’Italia e gli italiani”

Crisi Italia, Pizzarotti: “Serve stabilità per l’Italia e gli italiani”

158
0
CONDIVIDI
“SERVE STABILITA’ PER L’ITALIA E PER GLI ITALIANI
Lo dice il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti.
Siamo di fronte alla crisi politica più assurda degli ultimi anni: in piena pandemia, le imprese prive di concreti aiuti economici, le famiglie senza certezze stabili, futuro incerto della scuola, il terzo settore in grave crisi di sopravvivenza.
Una crisi politica al buio che congela il Recovery Plan e i miliardi di euro pronti per essere spediti dall’Europa in favore delle categorie sopra citate.
In tempi non sospetti, sono stato il primo a criticare la nascita di questo governo: un governo senz’anima politica, nato dalla paura verso la Lega nel caso si fosse andati a elezioni. Un governo poco solido politicamente, sostenevo, difficilmente sarebbe potuto sopravvivere. Ed ecco la batosta politica, con l’aggravante che sta avvenendo in piena seconda ondata.
Ma il passato è passato e nessuno poteva prevedere la pandemia. Dopo un anno di crisi e di lockdown quel che conta ora è dare stabilità e certezze agli italiani, alle famiglie, alle imprese, al terzo settore. Il buio in cui siamo stati gettati è inconcepibile.
La ricetta è la seguente:
1) Garantire subito una maggioranza solida ed europeista
2) Ripartire con un piano vaccinale forte e capillare, o torneremo nel limbo dei lockdown
3) Riprendere in mano con forza il Recovery Plan e chiamare a raccolta tutte le città (Parma c’è)
4) Investire subito, immediatamente, nel mondo delle imprese
5) Difendere dalla crisi tutto il mondo del terzo settore, come ad esempio le attività culturali e sportive (ma non solo), vere vittime della pandemia
6) Rilanciare il mondo della scuola e tutelare le famiglie di risparmiatori
7) Chiudere la legislatura mostrando un’Italia solida e forte agli occhi dei partner internazionali
Non possiamo permetterci di fallire. Come città e come sindaci siamo pronti a investire tempo, futuro e risorse per rilanciare le nostre città. Fallire, per noi, non è mai contemplato.

Nessun commetno

Lascia una risposta: