Qualità della vita: secondo il Sole 24 ore Parma è ottava

Qualità della vita: secondo il Sole 24 ore Parma è ottava

206
0
CONDIVIDI

E’ Bologna la provincia con la migliore qualità della vita nel 2020. Lo stabilisce la 31esima indagine del Sole 24 Ore sul benessere nei territori, presentata sul Sole Ore.

La città di Parma si piazza all’ottavo posto complessivo guadagnando due posizioni rispetto al 2019 quando era decima. Analizzando la posizione di Parma nelle classifiche parziali si vede che per Ricchezza e Consumi si piazza al ventesimo posto, per Affari e Lavoro al 18mo, nella classifica relativa a Demografia e Salute slitta al 58mo, per Ambiente e Servizi è all’ottavo posto, molto male nella classifica relativa a Giustizia e Sicurezza dove è soltanto 88ma mentre per Cultura e Tempo libero è al 16mo posto.

Il sindaco Federico Pizzarotti commenta così sulla sua pagina Facebook: “#Parma continua a confermarsi nella classifica del Il Sole 24 ORE tra le città con la maggior qualità della vita: è ottava in Italia, sale di due posizioni.

La pandemia ha in gran parte bloccato l’enorme potenziale che poteva esprimere la città come Capitale della Cultura, siamo state tra le prime città in zona rossa durante la prima ondata, abbiamo combattuto, e stiamo ancora combattendo, un nemico invisibile ma molto forte.

Nonostante questo, Parma continua a lavorare per poter dare il meglio di sé in tutti i campi: l’ambiente, i servizi, il lavoro, la cultura, il turismo, la produttività, la crescita, lo sviluppo, il benessere.  Come parmigiani facciamo quello che sappiamo fare meglio: esprimere qualità e saper fare, rimboccandoci le maniche. Come sempre guardo a queste classifiche solo per poter dire: siamo arrivati sin qui, ora dobbiamo fare di più. Dobbiamo fare di più e meglio.  Il 2021 lo voglio considerare come l’anno della nostra rivincita.

La rivincita di tutto ciò che il covid non ci ha permesso di fare. La rivincita di tutti i parmigiani, e di Parma Capitale della Cultura: facciamo sì che riparta da qui, da Parma, un’idea di rivincita che possa estendersi in tutto il Paese. Lo faremo partendo da dove abbiamo iniziato: da quel giorno in cui l’Italia ha riconosciuto Parma come sua Capitale della Cultura. Possiamo farlo, lavoreremo per farlo”.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: