Tutti i colori del Vietnam 

Tutti i colori del Vietnam 

936
0
CONDIVIDI

Esiste un Paese nel sud-est asiatico popolato da foreste tropicali e formazioni rocciose grandiose, corsi d’acqua con mercati galleggianti, luoghi di culto magnificenti, risaie multicolori e panorami mozzafiato. Un luogo lontano dal tempo che conserva gelosamente le sue tradizioni ma non disdegna la modernità occidentale. Dove i prezzi sono rimasti contenuti nonostante il buon livello delle strutture ricettive. Abitato da gente cordiale e riservata che cucina cibo squisito.

I perché del successo del turismo in Vietnam

Questo Paese incantato si chiama Vietnam e non c’è da stupirsi se con questi attributi negli ultimi anni sia diventato uno dei paesi più visitati dagli italiani. Dopo decenni di pseudo isolamento e un lungo durissimo conflitto difficile da dimenticare, il Vietnam è finalmente uscito allo scoperto mostrando il suo volto più radioso e il sorriso fiero di chi ha molto sofferto ma è uscito da un periodo buio più forte e resistente di prima.

La “Piccola Tigre dell’Asia” è tornata a ruggire: i suoi visitatori resteranno piacevolmente sorpresi di trovare un Paese unificato e sicuro, che vive pacificamente la sua multietnicità (più di 50 le diverse etnie presenti sul territorio) e accoglie con curiosità e rispetto il progresso occidentale e la diversità di ogni tipo.

In partenza per il Vietnam: consigli e raccomandazioni

Cosa occorre sapere prima di partire per il Vietnam? Qual è il periodo migliore per godere delle bellezze del paese senza correre il rischio di imbattersi in condizioni climatiche avverse? Riportiamo consigli per la scelta dei luoghi in cui soggiornare, della stagione nel quale avventurarsi tra le risaie vietnamite e degli itinerari alla scoperta delle incantevoli coste, rimandando, per qualunque approfondimento, alle guide e programmi di viaggio in Vietnam realizzate da un tour operator nazionale.

Strutture ricettive

Consapevole di quanto il turismo sia una risorsa importante per la sua crescita economica, il Vietnam ha saputo valorizzare le sue attrazioni con un’offerta turistica variegata, destinata a soddisfare le esigenze più diverse e accontentare anche il turista più capriccioso. Ciò nonostante, occorre tener presente che comodità e servizi che in Europa sono dati per scontati, qui non sono ritenuti sempre altrettanto indispensabili. Buona norma è quindi informarsi sempre preventivamente e assicurarsi che le condizioni delle stanze degli hotel (e i servizi annessi) siano realmente quelli che ci aspettiamo. Con un po’ di attenzione si possono trovare ottime soluzioni a prezzi molto convenienti.

Quando andare in Vietnam

Il periodo migliore per andare in Vietnam è la stagione secca, che va da ottobre ad aprile. Durante la stagione delle piogge, compresa fra giugno e settembre, diverse zone del Paese possono essere colpite da fenomeni ciclonici ed è sconsigliabile muoversi. Fra fine gennaio e inizio febbraio tenete presente che ci sono le celebrazioni del Capodanno Tet: gli alberghi sono tutti pieni e potrebbe diventare complicato spostarsi da una parte all’altra del Paese. Febbraio (dopo Tet) e marzo restano dunque i mesi ideali per godere al meglio delle meraviglie che il Vietnam ha da offrire.

Come muoversi in Vietnam

Se decidete di muovervi in taxi, salite sempre su quelli che hanno un tassametro evitando quelli abusivi. In Vietnam sono molto diffusi i mototaxi, un mezzo di trasporto indubbiamente pratico e veloce ma anche meno affidabile. Sebbene sia riconosciuto come uno dei Paesi più sicuri del Sud Est Asiatico, episodi di scippi e borseggi sono frequenti nelle grandi città, come del resto in tutto il mondo: non portate con voi oggetti di valore e fate sempre attenzione a macchine fotografiche, smartphone e documenti vari.

Le spiagge del Vietnam

Attrazioni spesso trascurate a favore di luoghi più classici e itinerari più battuti, le spiagge del Vietnam sono bellissime e in parte inesplorate. Oltre a templi e musei, percorsi di montagna e fiumi celeberrimi, non tutti sanno che il Vietnam offre anche la possibilità di trascorrere qualche giorno a rotolarsi nella sabbia soffice e a rigenerarsi in acque limpidissime.

Mui Ne

Percorrendo la strada statale che da Ho Chi Minh porta a Phan Thiet con circa 4 ore di bus pubblico o con l’ausilio di operatori turistici locali sarà possibile raggiungere la Baia di Mui Ne. Conosciuta anche come “deserto di spiaggia dorata”, Mui Ne è resa celebre dalle sue dune di sabbia rossa e i caratteristici villaggi di pescatori. Innegabilmente una delle spiagge più belle del Vietnam, offre ottime strutture alberghiere e la possibilità di praticare sport acquatici come surf e vela.

Phu Quoc

Sdraiata nel Golfo della Thailandia, la splendida isola di Phu Quoc è raggiungibile con voli giornalieri da Ho Chi Minh City (un tempo Saigon), o da Can Tho (sul delta del Mekong) oppure in barca da Rach Gia o Ha Tien.

Fuori dai circuiti turistici più tradizionali, non tutte facilmente raggiungibili (e proprio per questo non ancora inflazionate) le spiagge di Phu Quoc sono fra le più incantevoli del Sud Est Asiatico. Imperdibili i tramonti della spiaggia Bai Truong, sulla costa occidentale dell’isola.

Nha Trang

Voli giornalieri collegano la città di Nha Trang a Saigon, Hanoi e Danang, anche se dall’aeroporto ci vogliono circa 30 minuti di strada in auto per raggiungere la città.

Qui troviamo le spiagge più frequentate e modaiole del Vietnam, fra le quali emerge la spiaggia di Tran Phu, a sud della città. Letteralmente “correre sulla spiaggia“ Tran Phui è circondata da alberi e fiori ed è piena di alberghi, ristoranti e bar. A chi ama la tranquillità piacerà invece la spiaggia di Hong Chong: meno affollata e frequentata prevalentemente da vietnamiti, dista circa 80 chilometri da Nha Trang.

Nessun commetno

Lascia una risposta: