Ipsia Primo Levi: con Cna ed Ecipar Parma, le imprese nascono in...

Ipsia Primo Levi: con Cna ed Ecipar Parma, le imprese nascono in classe

115
0
CONDIVIDI

Le imprese nascono tra i banchi di scuola dell’Ipsia “Primo Levi” e le migliori le hanno premiate oggi Cna ed Ecipar di Parma. Il concorso “Impara ad Intraprendere” è la fase conclusiva di un percorso formativo e di accompagnamento degli studenti – 26 ore di lezione da dicembre 2017 a marzo 2018 per le quarte classi – curata dall’ente di formazione Ecipar Parma, con l’obiettivo di trasmettere il valore della cultura imprenditoriale ai ragazzi.

Primo premio all’impresa simulata “E-motion”, creata in classe dagli studenti Diego Dallatomasina, Nicola Grassi e Riccardo Davoli.

Secondo premio al gruppo di lavoro composto da Gnavome Adou Bienvenu Ange Aristide, Tahiri Ahmed, Khammassi Sayf Edin e Filippo Cavazzini.

Terzo premio ex aequo per le imprese create da Antonio Ritacco, Giuseppe Rizzo, Leonardo Meli e Singk Sukhwinder.

Ai vincitori sono andati buoni acquisto per la tecnologia, mentre a tutti i partecipanti è stato consegnato l’attestato di partecipazione.

Ad aprire l’incontro in aula magna dell’Ipsia, Domenico Capitelli e Paolo Giuffredi, rispettivamente direttore e presidente di Cna Parma. A fare il punto sull’iniziativa è stata poi la coordinatrice del progetto, Sara Bisacchi, di Ecipar Parma, che ha illustrato le diverse fasi di lavoro, presentando le idee di impresa realizzate dai gruppi di studenti.

Importante per gli studenti dell’Ipsia anche il contatto con la realtà dell’impresa. Andrea Pessina, titolare dell’Elettroluce Impianti, e Lusha Andi, titolare dell’impresa L. Energy, ex studenti proprio dell’Ipsia Levi di Parma, hanno illustrato la propria storia “concreta” d’impresa, dando forza agli studenti che stanno affrontando il percorso formativo in vista di un futuro imprenditoriale.

In chiusura, è intervenuto il dirigente scolastico Giorgio Piva, che ha ringraziato Cna ed Ecipar Parma per l’opportunità offerta agli studenti.

Nessun commetno

Lascia una risposta: