Parma-Frosinone, crocevia per la serie A. D’Aversa: “Gara più difficile rispetto a...

Parma-Frosinone, crocevia per la serie A. D’Aversa: “Gara più difficile rispetto a quella col Palermo”

246
0
CONDIVIDI

I Boys vogliono trasformare il Tardini in una bolgia gialloblu per accogliere un Frosinone non più brillante come nei mesi scorsi, ma certamente pericoloso. Tifosi invitati a partecipare in massa, portando una bandiera gialloblu. Una gara fondamentale quella di domani, sabato, con fischio d’inizio alle 15, nella corsa verso la serie A. Una vittoria dei crociati cambierebbe molto le prospettive in vista del rush finale.

Mister Roberto D’Aversa deve rinunciare agli infortunati Alessio Da Cruz, Fabio Ceravolo e Matteo Scozzarella, ma anche al centrocampista Manuel Scavone, lasciato a riposo per precauzione in seguito ad un leggero fastidio muscolare. Formazione quasi obbligata, quindi, in particolare a centrocampo, dove il triangolo dovrebbe essere composto da Munari davanti alla difesa, Dezi e Barillà. In attacco, Insigne e Siligardi dovrebbero supportare il bomber Calaiò. In difesa non ci dovrebbero essere novità: Di Cesare e Iacoponi centrali con Gazzola e Gagliolo sulle fasce.

Sul fronte opposto, mister Longo non ha ancora deciso se affrontare la gara con il classico 3-5-2 oppure con un’altra soluzione, ma di certo non potrà contare su Daniel Ciofani e Volpe infortunati. Possibile quindi che alla fine la spunterà Ciano dietro ai terminali offensivi Citro e Dionisi. Longo vuole comunque una squadra molto aggressiva per la sfida del Tardini, con l’obiettivo di prendere i gialloblu in velocità.

A dirigere l’incontro sarà Ivano Pezzuto della sezione Aia di Lecce – arbitro d’esperienza con 68 direzioni in B e 2 in A – coadiuvato dagli assistenti Mauro Galetto di Rovigo e Tarcisio Villa di Rimini, mentre il quarto uomo sarà Marco Serra di Torino.

Mister Roberto D’Aversa sente tutto il peso della sfida Parma-Frosinone, senza lasciarsi condizionare dall’entusiasmo per il successo sul Palermo e la striscia positiva che ha riportato i crociati ai piani alti della classifica.

“Domani affrontiamo secondo me una partita molto più difficile di quella di lunedì, un’avversaria più forte del Palermo. Lo dice la classifica. La dobbiamo affrontare con l’umiltà vista lunedì sera, portando rispetto all’avversario che è forte ed è costruito per vincere il campionato, ma con la stessa personalità vista contro il Palermo. La differenza la può fare il modo in cui interpretiamo la gara, sul loro sistema di gioco siamo preparati. Chi giocherà? Farò delle valutazioni visto che abbiamo giocato lunedì sera e non è la settimana-tipo, inoltre devo considerare alcuni piccoli acciacchi di ieri. Mancherà Ciofani? Lui è molto bravo a finalizzare i cross e fa giocare anche bene la squadra, mentre Citro ha caratteristiche diverse, è più di movimento e rapido, ma indipendentemente da loro sarà importante il modo in cui interpretiamo la partita”.

“C’è stata una crescita continua, dopo Empoli la squadra si è ricompattata, credo che alla base dei risultati ci debba essere sempre il fatto di concedere poco all’avversario, il che non significa essere difensivi: significa che se si riesce a passare in vantaggio bisogna essere bravi a portare a casa un risultato pieno. Poi è cresciuta anche l’autostima, lavorando e giocando in maniera serena le cose vengono meglio“.
“Se pensiamo all’andata di Frosinone, abbiamo finito la gara con un grosso rammarico: abbiamo passato il secondo tempo nella loro metà campo e lì abbiamo capito la nostra forza, perché non era semplice imporre il nostro gioco in casa di una squadra costruita per vincere il campionato. E se vediamo la carriera dei loro giocatori, molti hanno spesso giocato in Serie A. Quanto sarà importante Calaiò nella volata finale? Emanuele è un giocatore importante, sta facendo molto bene, quel che mi impressiona è come interpreta gli allenamenti, quel che fa in partita ne è una conseguenza“.

“Gli arbitri? La società ha risposto nella maniera giusta, io penso solo alla gara contro il Frosinone. Chi mancherà oltre a Ceravolo e Scozzarella? Scavone, che non è convocato”.

“Dezi e Munari? Credo ci sia stata una crescita esponenziale da parte di Jacopo, mentre Gianni sta dando ottime risposte in quel ruolo. È un giocatore che ha esperienza e caratteristiche che gli permettono di ricoprire tutti i ruoli del centrocampo: lui limita le giocate in verticale, ma è indispensabile anche quando si indirizza la partita sugli esterni e sugli eventuali cross, è abituato a giocare da mezzala ma è un giocatore completo”.

Mister Roberto D’Aversa, al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta questa mattina al Centro Sportivo di Collecchio, ha convocato 22 giocatori per questa 34^ giornata di campiionato che vedrà al Tardini una concorrente diretta come il Frosinone.

Portieri: Andrea Dini, Pierluigi Frattali, Michele Nardi

Difensori: Anastasio Armando, Valerio Di Cesare, Riccardo Gagliolo, Marcello Gazzola, Simone Iacoponi, Alessandro Lucarelli, Pasquale Mazzocchi, Francisco Sierralta

Centrocampisti: Antonino Barillà, Jacopo Dezi, Gianni Munari, Antonio Vacca

Attaccanti: Yves Baraye, Emanuele Calaiò, Amato Ciciretti, Antonio Di Gaudio, Marco Frediani, Roberto Insigne, Luca Siligardi

Nessun commetno

Lascia una risposta: