Dall’11 Aprile “A tu per tu”, otto grandi concerti in Rocca a...

Dall’11 Aprile “A tu per tu”, otto grandi concerti in Rocca a Sala Baganza

307
0
CONDIVIDI

Una rassegna concertistica lunga un intero anno, otto eventi di grande spessore artistico. Questo è “A tu per tu”, che si trasforma in un cartellone unico mettendo insieme le programmazioni primaverili e autunnali, all’interno del quale rientrerà anche il concerto estivo alla Pieve di Talignano. Il tutto sotto la direzione del Maestro Claudio Piastra e con la collaborazione di Parma OperArt.

All’Oratorio della Rocca di Sala Baganza, artisti e formazioni di spessore nazionale e internazionale: UmbriaEnsemble, Claudio Mansutti, Riccardo J. Moretti, Bai Yanfeng, Alexander Hülshoff, PianoX2, Serena Canino, Francesco Mariozzi, Italian Opera Ensemble e lo stesso direttore artistico, accompagnato dal trio jazz Pagani-Catalini-Tolotti.

La rassegna prende il via domenica 11 marzo alle 18 con UmbriaEnsemble e Claudio Mansutti, con un programma dedicato a Mozart eseguito da una formazione di alta qualità artistica alla costante ricerca musicale, definita dalla critica come “punta di diamante” dell’attuale produzione cameristica italiana, modulare e agile nell’organico – dal Trio all’Ottetto, fino alla compagine orchestrale con l’Orchestra da Camera dell’Umbria”.
Domenica 22 aprile, sempre alle 18, il gradito ritorno del compositore e pianista Riccardo J. Moretti, che si esibirà al pianoforte e voce coadiuvato dal sound designer Giovanni Nulli.  Musiche composte ed eseguite dal vivo dal Maestro stesso, un mix della sua prolifica vena compositiva, che riguarderanno le partiture scritte per colonne sonore cinematografiche o per spettacoli di danza e di teatro, oltre alle composizioni di musica ebraica.

Domenica 6 maggio (ore 18) il grande appuntamento “A solo Bachiano” con la musica di Bach e le sue Suite, uno dei più grandi capolavori che siano mai stati scritti per strumento solistico, eseguite dal violoncellista tedesco Alexander Hülshoff. Interprete famoso e acclamato nei più importanti festival sia come solista che come componente del “Bamberg Trio”, Hülshoff è direttore di una delle Accademie più prestigiose al mondo per la formazione cameristica: “Villa Musica” con sede a Koblentz.

Domenica 13 maggio con il giovane Bai Yanfeng, pianista e vincitore del Concorso Shenzhen (Cina), che eseguirà musiche di: Beethoven, Liszt, Debussy, Rachmaninov. Domenica 18 novembre si esibirà invece il vincitore del 4° Tadini International Competition 2018, Concerto-Borsa di Studio in collaborazione con l’Accademia Tadini di Lovere e l’Associazione PianoFriends di Milano.

Il cartellone include anche il tradizionale e seguitissimo concerto sul sagrato della Pieve Romanica di Talignano, che si terrà domenica 12 agosto alle ore 21,15. Preceduto da una visita guidata, l’appuntamento dal titolo “Il classico incontra il jazz”, sarà un omaggio a Claude Bolling.  Solista alla chitarra, il direttore artistico della rassegna Claudio Piastra, artista di fama internazionale, accompagnato dal trio jazz formato da artisti di consolidata esperienza e qualità: Simone Pagani (pianoforte), Franco Catalini (contrabbasso) e Marco Tolotti (batteria).

Domenica 30 settembre (ore 18) la “Sinfonia in salotto”, con un altro gradito ritorno, quello del duo PIANOX2 formato da Rossella Spinosa e Alessandro Calcagnile. Un curriculum di grande spessore (non ultimo l’esibizione alla Carnegie Hall) quello dei due artisti, impegnati su diversi fronti: Spinosa è compositrice con centinaia di esecuzioni in tutto il mondo, mentre Calcagnile è direttore d’orchestra principale dell’Orchestra Cantelli di Milano e del Teatro di Messina. In questo concerto, saranno affiancati da due grandi professionisti di pari livello: Serena Canino, violino, e Francesco Maritozzi, violoncello, che eseguiranno Sinfonie di Beethoven e Mendelssohn in trascrizioni d’epoca.

Domenica 28 ottobre (ore 18) sarà la volta dell’Italian Opera Ensemble formata per l’occasione da Kim Bravi, mezzo soprano, Giuseppe Lo Preiato, oboe, Raffaele Bertolini, clarinetti, e Lodi Luka al pianoforte.  Dall’esperienza del passato glorioso delle formazioni di musica da camera del nord Europa, il gruppo si prefigge, con la collaborazione di interpreti di grande qualità ed esperienza, di allietare il pubblico con arie e ouverture operistiche. Il programma spazierà da Rossini, Mozart, Bizet, Klezmer, Luka, Lo Preiato fino ad arrivare a Morricone.

Domenica 18 novembre (ore 18) il gran finale con i vincitori del Concorso Tadini. Tutti i concerti sono ad ingresso gratuito e fino ad esaurimento dei posti, grazie al contributo di due importanti sostenitori: Crosspolimeri e Azienda agricola Palazzo, da anni a fianco della stagione concertistica di Sala Baganza.

«La volontà dell’Amministrazione comunale è stata quella di realizzare un unico cartellone – spiega Claudio Piastra –. Dal punto di vista organizzativo, trattandosi di artisti di fama internazionale, è stato più complicato “fermarli” per una sola data. Ma ce l’abbiamo fatta».

A tu per tu” è un festival di tipo cameristico, con un repertorio prevalentemente classico, «ma con punte di recital solistico ed eventi “borderline” – osserva Piastra – come la musica da film di Moretti e il mio concerto insieme al Trio Jazz».

Tradizione, quindi, ma anche repertori più contemporanei che si avvicinano a generi come il jazz e lo swing. Altre caratteristiche distintive della rassegna, sono la possibilità di ascoltare strumenti poco conosciuti al grande pubblico, «come il clavicembalo, l’oboe e il fagotto, unitamente agli appuntamenti dedicati ai giovani talenti che quest’anno saranno due invece di uno. Chi si è esibito a Sala ha ottenuto riconoscimenti internazionali e questo per noi è un motivo di grande orgoglio, perché siamo stati tra i primi a presentarli».

Il titolo “A tu per tu”, poi, non è casuale, perché tra gli artisti e il pubblico si instaura un rapporto quasi personale. Non è raro, infatti, che vengano fatte domande o che, terminate le esibizioni, le persone si fermino a scambiare opinioni con i musicisti.

Soddisfatto il vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Sala Baganza, Giovanni Ronchini: «Crediamo in questo progetto, che per qualità e raffinatezza del programma fa di Sala una gemma preziosa nella programmazione culturale della provincia, così come ci viene riconosciuto dal pubblico, anno dopo anno sempre più numeroso. Si tratta peraltro di eventi gratuiti perché la nostra idea è quella di far arrivare la musica da camera, e non solo, a tutti. Ancora una volta, poi, la Rocca diventa un centro propulsivo di cultura, un luogo vivo e di incontro».

Nessun commetno

Lascia una risposta: