Filiera suinicola: firmata convenzione fra San Michele Terre Ducali e Unicredit

Filiera suinicola: firmata convenzione fra San Michele Terre Ducali e Unicredit

680
0
CONDIVIDI

Giulio Gherri - L'Eco di Parma
Giulio Gherri, Ceo Terre Ducali

E’ stata firmata a Parma la prima convenzione relativa al Progetto Filiere Agroalimentari voluto da UniCredit per le imprese italiane del settore. L’intesa è dedicata alla filiera suinicola e nata dalla collaborazione con Confagricoltura Emilia Romagna. L’accordo è stato siglato con il Prosciuttificio San Michele – Terre Ducali, guidato dal Ceo Giulio Gherri, e illustrato nei giorni scorsi anche alle imprese collegate alla catena di produzione e lavorazione.

La nuova agricoltura di qualità è fortemente legata al concetto di filiera che permette alle aziende di fare rete per superare la forte polverizzazione dell’offerta, integrando le diverse fasi della produzione. UniCredit riconosce il potenziale delle filiere e ne rafforza il valore grazie ad un progetto specifico rivolto alle imprese che ne fanno parte e mirato ad offrire un concreto sostegno finanziario al ciclo produttivo e un più agevole accesso al credito; a valorizzare l’appartenenza alle filiere e ad adeguare l’offerta ai più alti standard innovativi del mercato.

Il progetto realizzato da UniCredit, in particolare, affronta la specificità del processo produttivo attraverso un modello dedicato che parte dall’identificazione di caratteristiche tipiche della relazione tra capofiliera (hub) e aziende conferenti (spoke), al fine di intercettare i bisogni delle imprese coinvolte. Ciò anche attraverso lo scambio di informazioni tra azienda capofila e banca sull’analisi del processo produttivo e sul ruolo dei suoi conferenti.

Il piano include anche l’offerta di prodotti di finanziamento di breve, medio e lungo termine adeguati alle specifiche esigenze, con condizioni commerciali vantaggiose dedicate alle aziende conferenti al fine di valorizzare l’appartenenza alla filiera.
Questa convenzione dedicata alla filiera suinicola, come concordato con Confagricoltura Emilia Romagna, prevede inoltre per gli aderenti la possibilità di accedere a piani formativi, con un programma  di  corsi gratuiti dedicati a chi desidera aumentare le proprie conoscenze sui temi di banca e finanza, export e internazionalizzazione.

Con il nuovo Progetto Filiere Agroalimentari, UniCredit – che da tempo supporta lo sviluppo dell’agroalimentare italiano e che nell’ultimo biennio ha erogato per il settore nuova finanza per più di 3,3 miliardi di euro sul perimetro nazionale; oltre 617 milioni di euro in Emilia Romagna e oltre 82 milioni sull’area di Parma e provincia  – prosegue nel suo impegno per l’economia del territorio.

Nessun commetno

Lascia una risposta: