Cedacri: 27% del capitale al fondo d’investimento FSI e nuovo Cda

Cedacri: 27% del capitale al fondo d’investimento FSI e nuovo Cda

529
0
CONDIVIDI

Il 27% di Cedacri Spa passa a una società controllata dal fondo di investimento FSI Mid-Market Growth Equity Fund gestito da FSI Sgr. Il closing è stato annunciato – insieme al rinnovo del consiglio d’amministrazione – dallo stesso gruppo di Collecchio, principale operatore nel settore dei servizi di outsourcing per banche e istituzioni finanziarie. Nel restante 73% del capitale sociale di Cedacri figurano invece 14 tra le principali banche clienti: Banca Mediolanum (15,6%), Gruppo Cassa di Risparmio di Asti (11,1%), Gruppo Banco di Desio e della Brianza (10,1%), Unipol Banca (7,5%), Banca Popolare di Bari (6,6%), Cassa di Risparmio di Bolzano (6,5%), Banca del Piemonte (4,2%), Credem (3,9%), Cassa Sovvenzioni e Risparmio fra il Personale di Banca d’Italia (2,0%), Reale Mutua Assicurazioni (1,3%), Banca del Fucino (1,1%), Banca Valsabbina (1,1%), Cassa di Risparmio di Cento (1,0%) e Cassa di Risparmio di Volterra (1,0%).

A fronte di un fatturato consolidato 2017 stimato in circa 330 milioni di euro, con un equity value valutato in circa 430 milioni di euro, il Gruppo Cedacri è leader nel mercato finanziario italiano per i servizi di outsourcing informatico. Attraverso questa operazione, sostengono alla Cedacri Spa, l’azienda rafforza la propria posizione sul mercato per continuare ad investire in soluzioni innovative e a proseguire nella sua strategia di crescita, sia per via organica che per linee esterne.

L’ingresso di FSI come azionista – dichiara il presidente Renato Dalla Rivarafforza la leadership di Cedacri nei servizi per il settore finanziario e apre nuove prospettive di sviluppo grazie alle opportunità derivanti dall’entrata in nuovi mercati e da possibili acquisizioni. L’operazione di oggi conferma il valore del modello di servizio di Cedacri e delle competenze distintive della sua squadra che hanno assicurato all’azienda il successo sul mercato“.

Cedacri è stata assistita nell’operazione da Rothschild in qualità di Advisor finanziario, Pedersoli Studio Legale per gli aspetti legali e KPMG in qualità di Advisor industriale.

L’assemblea dei soci ha inoltre provveduto al rinnovo del consiglio di amministrazione di Cedacri Spa, che rimarrà in carica per il prossimo triennio. Renato Dalla Riva è stato riconfermato presidente, gli altri membri del consiglio sono: il vicepresidente Giovanni Pirovano, i consiglieri Renato Barbieri, Carlo Costa, Carlo Demartini, Luigi Jacobini, Stefano Lado, Barnaba Ravanne, Marco Tugnolo e Marco Valcamonica. Salvatore Stefanelli è stato riconfermato alla guida dell’azienda come Direttore Generale.

Nessun commetno

Lascia una risposta: