Sicurezza, petizione M5S: assicurazione gratuita per i parmigiani vittima di furti

Sicurezza, petizione M5S: assicurazione gratuita per i parmigiani vittima di furti

169
0
CONDIVIDI

Una polizza di assicurazione gratuita per tutti i cittadini vittime di furti. Questa la richiesta del MeetUp Parma 5 Stelle, contenuta in una petizione che sarà inviata al Comune di Parma. Ma non solo questo. I pentastellati hanno messo nero su bianco una serie dirichieste per migliorare le condizioni di sicurezza della città.

In particolare nella petizione si chiedo lo sblocco di nuove risorse finanziarie, aumentando di 30 unità gli agenti di Polizia municipale con funzioni di pubblica sicurezza e attuando i provvedimenti del Decreto Minniti, come l’allontanamento o la proposta di Daspo urbano al Questore; un piano di controllo amministrativo comunale per verificare le residenze e i domicili, eseguendo verifiche incrociate sui titoli di soggiorno e i contratti di locazione; l’istituzione di una cabina di regia che riesca ad interfacciare sistemi di videosorveglianza pubblica e privata; la riqualificazione e la valorizzazione dello spazio pubblico nei quartieri, evitando la creazione di ghetti ove prosperano le azioni illecite.

Il Meetup Parma 5 Stelle ha presentato le sue richieste per la sicurezza in un locale di uno dei quartieri di Parma diventato simbolo dell’insicurezza, il San Leonardo. La petizione potrà essere firmata dai cittadini nei banchetti che Parma 5 Stelle organizzerà nelle prossime settimane nei mercati rionali cittadini e, il mercoledì e il sabato, in via Mazzini, in contemporanea con lo svolgimento del consueto mercato della Ghiaia.

Si tratta di proposte molto concrete a fronte di una situazione di paura e degrado che da tempo colpisce la città, precipitata nella classifica del Sole 24 Ore al 90esimo posto su 110 capoluoghi italiani per quanto riguarda il tema della sicurezza – dicono i pentastellati parmigiani che recentemente hanno ritrovato l’unità -. Non è più tempo di dibattiti e di parole ma di azioni concrete per migliorare la vita dei parmigiani, sempre più ostaggio di una microcriminalità che anche le amministrazioni locali, oltre che lo Stato, hanno il dovere di combattere”.

Nessun commetno

Lascia una risposta: