Bambina chiama Telefono Azzurro, genitori ‘maneschi’ condannati

Bambina chiama Telefono Azzurro, genitori ‘maneschi’ condannati

151
0
CONDIVIDI

Percuotevano la figlioletta, una ragazzina minore di 14 anni, usando anche corpi contundenti di vario tipo. Fin quando la piccola ha chiesto l’aiuto di Telefono Azzurro, che ha fatto scattare le indagini a carico dei genitori di nazionalità indiana, di 50 e 52 anni, residenti a Parma.

Secondo i riscontri degli investigatori le violenze sarebbero andate avanti dal 2015 fino al marzo dello scorso anno. Ed è stato anche accertato che in un caso la piccola è finita al pronto soccorso a causa di lesioni che furono giudicate guaribili in 7 giorni.

La brutta storia è finita adesso in tribunale, dove l’uomo e la donna hanno chiesto al giudice per l’udienza preliminare Alessandro Conti (pubblico ministero Andrea Bianchi) il giudizio abbreviato, evitando così il dibattimento pubblico in aula.

La pena è stata rispettivamente di un anno e di un anno e 2 mesi di reclusione, grazie anche allo sconto di un terzo previsto fal rito alternativo. Ad entrambi i genitori è stata comunque concessa la sospensione condizionale e la non menzione nel casellario giudiziario in quanto incensurati.

sa. pi. 

Nessun commetno

Lascia una risposta: