11 Ottobre – Lella Costa al Farnese con “Traviata. L’intelligenza del cuore”

11 Ottobre – Lella Costa al Farnese con “Traviata. L’intelligenza del cuore”

665
0
CONDIVIDI

Nell’ambito di AroundVerdi, ove il Festival Verdi amplia i confini dell’opera lirica per dare spazio ad altri linguaggi espressivi, Lella Costa porta in scena, mercoledì 11 ottobre, alle 20.30 al Teatro Farnese, “Traviata. L’intelligenza del cuore”, commissione del Festival Verdi in prima assoluta, con la regia di Gabriele Vacis, la scenofonia e i luminismi di Roberto Tarasco e i costumi di Antonio Marras, prodotto da Mismaonda in collaborazione con Società dei Concerti di Parma e il Primo corso di alto perfezionamento in repertorio verdiano dell’Accademia verdiana.

A dieci anni dal debutto, l’attrice torna a confrontarsi con l’opera teatrale che rende omaggio a tutte le Violette del mondo, riscritta per questa occasione e presentata in un’inedita messinscena. Sul palcoscenico, assieme a lei, il pianista Davide Carmarino accompagnerà arie e duetti tratte dal capolavoro verdiano e interpretate dai soprani Adriana Iozzia e dal tenore Lee Chung-Man, che intesseranno un dialogo, in un intreccio di parole e musica, che attraversa il romanzo di Alexandre Dumas, il libretto di Francesco Maria Piave e la partitura di Giuseppe Verdi, con incursioni nel repertorio contemporaneo da Franco Battiato a Tom Waits e Marianne Faithfull.

Dalla Signora delle camelie alle ragazze di strada, l’attrice darà voce e corpo anche a due dive scelte come simbolo dell’amore non corrisposto: Maria Callas e Marilyn Monroe, donne lontane ma simili, “perché – spiega – ogni donna è stata ed è una bellissima bambina, troppo spesso trasformata in merce da chi non riesce a comprenderne il bisogno d’amore e di cura. L’intelligenza del cuore è quella messa in campo quando si ama: la capacità di cambiare la propria vita quando sfugge, restituirle un appiglio quando sembra scivolare via”.

I biglietti (da 20,00 a 35,00 euro) sono disponibili presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma e su festivalverdi.it.

Nessun commetno

Lascia una risposta: