Gli Smokey Punch tornano con un singolo: “Friday i’m in Love” dei...

Gli Smokey Punch tornano con un singolo: “Friday i’m in Love” dei The Cure in chiave moderna

55
0
CONDIVIDI

“Friday i’m in Love” dei The Cure per gli Smokey Punch è stato un pilastro portante dei primi anni lavorativi, quando si arrivava al venerdì sera fiacchi da una settimana di lavoro e la prima cosa da fare era mettere questa perla in macchina per iniziare al meglio la serata. Adesso gli Smokey Punch ripropongono a modo loro questo pezzo, rivisitandolo in chiave moderna. Ma le emozioni già a suo tempo trasmesse dai Cure rimangono intatte. Il singolo è accompagnato da videoclip ufficiale registrato e montato presso il LightShoot Studio da Samuel Ghirardelli e Andrea Puglia.

Il progetto Smokey Punch nasce nel 2012. Dopo poche prove insieme individuano subito la loro vena pop punk, e in pochi mesi si ritrovano con un EP pronto per essere registrato in studio. Le loro canzoni trattano argomenti leggeri, senza mai scadere nel volgare e con ampie dosi di ironia e sarcasmo. Con l’ EP tra le mani la band comincia a fare i primi live, fino alla primavera 2013, anno in cui firmano per “This is Core Records”. Molte delle loro canzoni sono state scritte in una notte, all’improvviso, come nel caso di “Backseat”, scritta un pomeriggio a Valencia, dopo una notte di festa e bagordi. Proprio questo brano è stato scelto come apripista per promuovere il primo lavoro in studio.

Nel 2014 i ragazzi decidono di arricchire il loro sound, si aggiunge così Andrea Bianchi, insieme al quale iniziano a scrivere il loro primo album intitolato “The Fool” e dal quale escono i singoli “White China” e la cover pop punk di “Can’t Hold Us” di Macklemore. Questo disco porta la band a fare tantissimi live, sia in Italia che in Europa (Lettonia, Lituania, Germania, Svizzera e Austria), fino a raggiungere le coste oltre oceaniche con un tour in California e Messico di 9 date.

Andrea Bianchi nel 2016 decide di lasciare la band e prende il suo posto Davide Vecchi, che diventa subito parte della famiglia. Con lui si comincia a scrivere il secondo Full Length, cercando di “svecchiare” un po’ quel sound anni 90 che li ha caratterizzati per molto tempo.

Nessun commetno

Lascia una risposta: