Parma-Salernitana, i crociati vogliono concedere il bis. D’Aversa: serve massima concentrazione

Parma-Salernitana, i crociati vogliono concedere il bis. D’Aversa: serve massima concentrazione

592
0
CONDIVIDI

La gara tra Parma e Salernitana aprirà ufficialmente la settima giornata di B. Il fischio d’inizio è infatti fissato per domani sera, venerdì, alle 20.30 allo stadio Ennio Tardini. Per mister Roberto D’Aversa, che ha quasi tutti gli effettivi a disposizione, è necessario portare a casa i 3 punti per riprendere la corsa dopo la vittoria – non bella ma utilissima – ottenuta sabato scorso al Penzo di Venezia. Con il gioco che zoppica, le finalizzazioni che latitano e la squadra che a volte si lascia prendere da improvvise amnesie, bisogna sempre stare in guardia. Il tecnico avrà a disposizione tutti gli effettivi ad eccezione dell’incognita Fabio Ceravolo ancora alle prese con l’infortunio rimediato prima del suo arrivo a Parma dal Benevento, e Saporetti.

Il Parma, con 3 vittorie poco brillanti e 3 brutte sconfitte, viaggia a quota 9 in classifica, mentre la Salernitana è abbonata al segno x, con quattro pareggi, una vittoria (con lo Spezia) e una sconfitta (con il Carpi) che porta i granata a quota 7 punti. Mister Alberto Bollini può contare su due punte dinamiche come Riccardo Bocalon, arrivato dall’Alessandria dopo aver segnato 34 gol in 68 partite, e Alejandro Rodriguez dal Chievo. Rodriguez conosce bene la B dopo averci giocato per due stagioni con la maglia del Cesena. Con la maglia bianconera ha anche segnato il suo primo gol nella massima serie, proprio contro il Parma. Bocalon e Rodriguez hanno già segnato una doppietta a testa.

Mister Bollini ha schierato più volte il 4-3-3, con Rodriguez punta centrale a sfruttare il fisico e fare da sponda agli inserimenti di altri due attaccanti a supporto. Nell’ultima gara giocata in campionato, però, Bollini ha modificato lo schema di base passando a un 3-4-1-2 con Sprocati a supporto delle due punte, cambio di modulo coinciso con la prima vittoria. In ogni caso un modulo non molto diverso da quello prediletto da D’Aversa, che non rinuncia mai al suo 4-3-3 di partenza.

Parma-Salernitana sarà diretta da Aleandro Di Paolo della sezione Aia di Avezzano, coadiuvato dagli assistenti Gaetano Intagliata di Siracusa e Vincenzo Soricaro di Barletta. Quarto uomo, infine, è Alessandro Prontera di Bologna.

Come di consueto mister Roberto D’Aversa ha fatto oggi il punto sulla gara che attende i suoi domani sera con la Salernitana.

https://www.facebook.com/parmacalcio1913/videos/1736719019968275/

Loro vengono da un bella vittoria in casa contro lo Spezia per 2-0, sono scesi in campo con il 3-4-1-2 finendo con il 3-5-2. Sì è vero che in questo momento non abbiamo mai pareggiato, ma quando si prepara una partita lo si fa per ottenere il migliore risultato possibile, poi come sempre sarà il campo a dare il proprio verdetto, speriamo ovviamente positivo“, ha detto in apertura D’Aversa, sgombrando il campo dai timori di pareggite.

Alla Salernitana mancheranno alcuni giocatori. Ma D’Aversa frena, non ci sta: “Non dobbiamo commettere l’errore di pensare che abbiamo contro una squadra debole per i giocatori che mancheranno, ho sempre pensato di non creare alibi alla mia squadra per via delle assenze: loro sono in una buona condizione fisica, noi dobbiamo metterci la massima concentrazione per riprendere il cammino intrapreso a Venezia”.

Sui rapporti con la società, D’Aversa, apprezzando le parole spese in settimana dall’ad Luca Carra, ha detto poi “la proprietà si è mostrata sempre al mio fianco, osservando quasi tutti gli allenamenti e confrontandosi spesso anche telefonicamente”, aggiungendo che “in questo campionato ci sono squadre più attrezzate, vuoi perché hanno una rosa che ha fatto la Serie A, vuoi perché hanno potuto beneficiare del paracadute. Ciò non significa che non daremo il massimo, anzi: non dev’essere un alibi. Se pensiamo di poter vincere tutte le gare perché siamo il Parma ci sbagliamo. Dobbiamo cercare di fare risultati lavorando sul campo”.

Della gara del Penzo, D’Aversa ricorda che “il Venezia non aveva mai perso e non aveva mai preso gol in casa, penso che la prestazione sia stata abbastanza positiva: numeri alla mano il possesso palla l’abbiamo fatto noi, anche se abbiamo creato meno palle gol. Il lato positivo è che continuiamo a segnare su palle inattive e questo è il frutto del lavoro che facciamo in settimana, quello invece da migliorare è il fatto di creare più occasioni. Ritrovare compattezza e spirito di sacrificio per portare i tre punti a casa è stato un punto di partenza. Ora dobbiamo affrontare le situazioni con più determinazione, di spazi contro il Venezia ce n’erano pochi, ma abbiamo ragazzi che possono spingersi fino a certe zone del campo e ci devono mettere del loro, le qualità le abbiamo tutte. La formazione? Devo valutare anche l’allenamento di oggi. Considero tutto: condizione fisica, stanchezza, acciacchi. Faccio le scelte secondo una certa logica e mai contro gli interessi della squadra”.

Il tecnico ha infine riconosciuto la buona prova di Matteo Scozzarella davanti alla difesa che ha consentito al Parma una maggior velocità e di Luca Germoni, “partito un po’ in difficoltà, ma è normale perché non giocava da tempo, poi credo abbia fatto una buona gara ha qualità più difensive e meno di spinta rispetto a Scaglia”.

I CONVOCATI

Al termine della seduta di allenamento a porte chiuse sostenuta oggi pomeriggio al Centro sportivo di Collecchio, mister Roberto D’Aversa ha convocato 25 giocatori per la gara con la Salernitana di venerdì sera

Portieri: Andrea Dini, Pierluigi Frattali, Michele Nardi

Difensori: Valerio Di Cesare, Riccardo Gagliolo, Luca Germoni, Simone Iacoponi, Alessandro Lucarelli, Pasquale Mazzocchi, Juan Ramos, Luigi Alberto Scaglia, Francisco Sierralta

Centrocampisti: Antonino Barillà, Francesco Corapi, Jacopo Dezi, Gianni Munari, Manuel Scavone, Matteo Scozzarella

Attaccanti: Yves Baraye, Emanuele Calaiò, Antonio Di Gaudio, Marco Frediani, Roberto Insigne, Manuel Nocciolini, Luca Siligardi

Alla luce di questi convocati, D’Aversa potrebbe quindi scegliere questo “11” di partenza: Frattali tra i pali, con davanti Iacoponi, Gagliolo, Lucarelli e Germoni; a centrocampo dovrebbero trovare posto ancora Dezi, Scozzarella e Scavone; in attacco il tridente potrebbe essere formato da Baraye, Calaiò e Di Gaudio.

Di contro la Salernitana di Bollini, schierandosi con un prudente 3-5-2, potrebbe mandare in campo Radunovic tra i pali, Tuia, Schiavi, Bernardini in difesa; Sprocati, Ricci, Della Rocca, Minala a centrocampo e Vitale, con Bocalon e Rossi in attacco.

I PRECEDENTI 

Sono cinque i precedenti ufficiali giocati al Tardini tra Parma e Salernitana, con quest’ultima uscita sconfitta una sola volta, ben quattro invece i pareggi. Quattro le reti del Parma, 2 quelle degli ospiti. L’ultimo precedente in ordine di tempo dei granata al Tardini è del campionato di Serie B 2008/09, gara terminata 0-0. Le due squadre si sono affrontate per 8 volte nel palcoscenico della serie cadetta e per due volte nella massima serie. L’ultima rete granata a Parma risale al 23 gennaio 1955.

Nessun commetno

Lascia una risposta: