Ladri in azione alla Debel. La Polizia recupera due auto e ciclomotori...

Ladri in azione alla Debel. La Polizia recupera due auto e ciclomotori rubati

451
0
CONDIVIDI

Ladri scatenati a Parma e dintorni, ma agenti di Polizia pronti a recuperare e a restituire quasi tutto il maltolto ai legittimi proprietari. Nella notte tra mercoledì e giovedì i ladri hanno preso di mira la Debel di via Ghidiglia, specializzata nella vendita e fornitura di prodotti professionali per parrucchieri. I malviventi hanno infranto il vetro di un ufficio al piano terra e una volta dentro hanno rovistato un po’ per poi portare via da una scrivania un computer portatile Vaio della Sony e una cassettina contenente il fondo cassa, circa 500 euro.Sul posto sono intervenuti gli agenti delle Volanti per un sopralluogo e per avviare indagini che, sulle prime, appaiono più che difficili.

Ma nel corso della mattinata di giovedì gli agenti sono riusciti anche ad intercettare e a recuperare due veicoli risultati rubati. La loro presenza sospetta era stata segnalata da un cittadino in via Filippo di Borbone. Sono state così restituite ai legittimi proprietari una Citroen C3 – rubata nella notte precedente con le relative chiavi contenute nella borsa trafugata dal locale Giamaica alla proprietaria, rinvenuta nei pressi di una carrozzeria con all’interno vari arnesi da scasso – e una Fiat Punto rubata nella notte del 28 agosto a Sala Baganza presso l’abitazione della proprietaria, rinvenuta incidentata in un campo agricolo, dove i malviventi avevano travolto una valvola d’irrigazione danneggiando il radiatore.

Non solo auto, però, anche ciclomotori. Nel corso del pomeriggio di giovedì, una volante procedeva d’iniziativa al controllo di un ciclomotore Aprilia Scarabeo in via Pozzuolo del Friuli, risultato provento di furto a segno il 22 luglio scorso. E alle 22:25 circa, un’altra volante si è imbattuta in un altro ciclomotore Aprilia Scarabeo in via Venezia, presso il parcheggio del supermercato Conad, rubato a una cittadina straniera il 28 agosto. Entrambi i ciclomotori sono stati restituiti ai legittimi proprietari.

Nessun commetno

Lascia una risposta: