Campagna del pomodoro già a metà: Caselli in visita alla Mutti e...

Campagna del pomodoro già a metà: Caselli in visita alla Mutti e alla Columbus. Ecco i numeri

2115
0
CONDIVIDI
L’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli con il presidente dell’OI Tiberio Rabboni in visita alla Mutti Spa

Quasi 1,3 milioni di tonnellate di pomodoro sono già diventate sugo nel corso della campagna 2017. Poco meno della metà del quantitativo contrattato con i produttori. Ma c’è un grande nemico che minaccia, ormai ogni anno, la filiera del pomodoro da industria del Nord Italia. È la crisi idrica che quest’anno – con il 70% di piogge in meno nel bacino di Parma e Piacenza – ha messo a dura prova la coltivazione del pomodoro. Un nemico che l’Organizzazione interprofessionale del pomodoro da industria del Nord Italia, in stretto accordo con la Regione Emilia-Romagna, vuole combattere progettando soluzioni di medio lungo periodo. Prima tra tutte la costruzione di invasi per trattenere acqua nei periodi in cui è presente.

È stato questo il tema al centro della visita alla filiera del Nord Italia da parte dell’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli che – insieme al presidente dell’OI Tiberio Rabboni (che l’ha preceduta nello stesso ruolo in Regione) e ai rappresentati delle Organizzazioni di produttori e dei trasformatori – ha fatto tappa prima alla Mutti e poi alla Columbus, entrambe in provincia di Parma.

La più grande emergenza del nostro settore è quella dell’approvvigionamento dell’acqua – ha subito sottolineato il neo cavaliere Francesco Mutti, presidente di Mutti Spa -. La crisi idrica potrebbe essere fatale per il nostro settore ed è per questo che non si può affrontare questo tema con leggerezza. Serve un time table chiaro con un gruppo di lavoro che, già entro dicembre, possa presentare un piano che ci tuteli per il futuro”.

Molto si è fatto, ma tanto resta da fare per fronteggiare il cambiamento climatico – ha aggiunto Tiberio Rabboni -. Positive sono state le deroghe al deflusso minimo vitale dei fiumi concesse dalla Regione così come costante è l’impegno della filiera nel ricercare varietà sempre meno idroesigenti, nell’estendere ulteriormente le pratiche di irrigazione a goccia in campo e di riciclo delle acque negli impianti di trasformazione. Ora però è necessario lavorare per ridurre gli sprechi degli impianti di distribuzione delle acque più obsoleti e soprattutto realizzare nuovi invasi irrigui, anche ad uso plurimo delle acque, di capacità idonee a rispondere ai fabbisogni della filiera del pomodoro da industria e delle altre filiere agricole di questo importante territorio dell’agroalimentare italiano. L’OI, a questo scopo, è disponibile a collaborare alla ricerca di un’intesa tra amministrazioni, comunità locali, filiere produttive agricole, Regione ed altre istituzioni sovraordinate per l’individuazione e la localizzazione concorde dei nuovi e necessari invasi irrigui”.

L’assessore Simona Caselli ha ricordato che “il contrasto al cambiamento climatico e alle sue conseguenze sull’agricoltura è da tempo al centro dell’impegno della Regione. A breve uscirà il nuovo bando da 18 milioni di euro per la realizzazione di invasi fino a 250mila metri cubi, mentre in accordo con l’assessorato all’Ambiente rivedremo le previsioni sugli invasi del vigente piano di tutela delle acque per individuare eventuali nuove localizzazioni, sia in relazione alle maggiori criticità, sia laddove a seguito della crisi edilizia le cave previste non si realizzeranno in tempi congrui. Altrettanto importante il nostro impegno sulla ricerca e sull’innovazione per sostenere le nuove tecniche irrigue, il risparmio, la diffusione di varietà meno idroesigenti e l’agricoltura di precisione. Il Psr mette a disposizione, attraverso i Gruppi operativi per l’innovazione, risorse significative pari a circa 50 milioni di euro, di cui oltre la metà sono già state impegnate; altre risorse possono essere efficacemente mobilitate per questi stessi scopi attraverso l’utilizzo ottimale dell’Ocm ortofrutta e in particolare dei Programmi Operativi delle Organizzazioni dei Produttori”.

Nel 2017 – ha poi continuato Simona Casellisi sono dovute affrontare tante criticità come la crisi di Ferrara Food, per altro nella provincia con il più alto tasso di disoccupazione in regione, e quella di Copador, risolta grazie a un lavoro di squadra che ha visto l’impegno delle istituzioni e dei sindacati, l’efficace e tempestivo lavoro del tribunale di Parma e dei commissari nominati e la disponibilità delle imprese del territorio a partecipare all’asta che ha visto prevalere Mutti Spa che sta attualmente conducendo l’azienda. Ci sono poi state le gelate di fine aprile e la siccità affrontata con una valida cabina di regia, che ha coinvolto attivamente l’OI e che ha visto in Parma e Piacenza le uniche province a livello nazionale nelle quali è stato riconosciuto lo stato di emergenza idrica”.

L’assessore regionale Simona Caselli con Tiberio Rabboni in visita all’azienda Columbus

La visita dell’assessore è poi proseguita allo stabilimento Columbus dove ci si è soffermati, in particolare, sulle forme di produzione innovative legate al settore del pomodoro biologico. “Un segmento in forte espansione – hanno sottolineato Cristina Bertolini e Fabio Santi di Columbus -. Il nostro obiettivo è proprio quello di fidelizzare l’area agricola emiliana tra Parma, Reggio e Modena alla produzione biologica”.

La campagna 2017 del pomodoro da industria del Nord Italia è arrivata ormai a metà percorso e secondo l’ultimo rilevamento dell’ufficio tecnico dell’OI, al 20 di agosto sono state trasformate 1.282.666 tonnellate di pomodoro, pari al 46,13% del quantitativo contrattato con un brix medio che si attesta a 4,76, quindi più basso degli ultimi anni. La campagna 2017 si sta contraddistinguendo per un ritmo molto sostenuto negli stabilimenti di trasformazione visto che le elevate temperature di quest’annata hanno accelerato la maturazione del prodotto. Le rese in campo sono buone, nonostante i deficit idrici di alcune aree, mentre le rese in stabilimento sono al di sotto delle aspettative per cui è necessario un maggior quantitativo di materia prima per realizzare i prodotti trasformati.

Nel complesso sono 36.707 gli ettari coltivati a pomodoro per il 2017, in calo del 7,5% rispetto al valore dello scorso anno e in diminuzione del 2,5% rispetto a quanto contrattato ad inizio campagna. Buono il dato della produzione biologica che conferma il proprio trend di crescita: il bio rappresenta il 6,6% delle superfici effettive delle Op associate, superfici che passano dai 1.316 ettari di due anni fa agli attuali 2.310.
L’Emilia Romagna si conferma la regione con la quota più consistente di superfici coltivate a pomodoro da industria pari a 24.866 ettari, seguita da Lombardia (7.494), Veneto (2.121) e Piemonte (2.029). Questa la ripartizione nelle principali province contraddistinte dalla presenza della coltivazione del pomodoro da industria: Piacenza: 10.003 ettari; Ferrara: 6.177; Parma: 4.666; Mantova: 3.963; Cremona: 2.102; Ravenna 1.929; Alessandria: 1.821; Reggio Emilia: 993; Rovigo: 895; Verona: 780 e Modena: 729. Seguono altre province con valori più contenuti.

Nessun commetno

Lascia una risposta: