“Tutti matti” e “Incendio della Reggia”, un settembre da urlo a Colorno

“Tutti matti” e “Incendio della Reggia”, un settembre da urlo a Colorno

1331
0
CONDIVIDI

Sarà un inizio di settembre col botto a Colorno, dove il pubblico delle grandi occasioni invaderà il centro storico e la reggia che fu anche di Maria Luigia. Tra colori sgargianti e lampi di luce, divertimento e buona tavola, due grandi appuntamenti per chiudere alla grande l’estate.

Si comincia con “Tutti matti per Colorno” (1,2 e 3 settembre), la festa internazionale di circo e teatro di strada, per proseguire poi con “l’incendio” della reggia, il grande spettacolo piromusicale diventato ormai un cult (9 settembre).

“Tutti matti per Colorno” – presentato oggi in Provincia dal vicesindaco di Colorno Pierluigi Mora e dal direttore artistico Leonardo Adorni, con Jacopo Maria Bianchini, Alessandro Mori e Daisy Vanicelli di Teatro Necessario – animerà le strade e la Reggia di Colorno dal pomeriggio di venerdì 1 settembre alla tarda serata di domenica 3, con la follia e il talento dei migliori artisti di strada, acrobati, clown e musicisti del mondo. In questa decima edizione gli artisti provengono da Francia, Stati Uniti, Macedonia, Olanda, Giappone, Inghilterra, Italia, Spagna; tre le prime nazionali, due soli titoli a pagamento su più di 20 proposte (scarica il PROGRAMMA FESTIVAL TUTTI MATTI 2017).

Il clown americano Avner Eisenberg presenta il suo one man show Exceptions to gravity e il Collectif de la Bascule sarà sul palco con Quand Quelqu’un Bouge con la tecnica della bascula ungherese (entrambi a pagamento). Sempre dalla Francia, Marcel et ses Drôles de Femmes portano in scena Miss Dolly, in stile Old West, e dalla Macedonia torna Alex Barti con la sua marionetta, in prima nazionale gli olandesi De Stijle Want portano il loro Toni Ronaldoni, i due mimi giapponesi della compagnia Sivouplait presentano A silent couple in humorous white. E poi gli irriverenti Tony Clifton Circus, la compagnia L’excuse che con Homocatodicus propone un Don Quixotte da strada, la compagnia Cà luogo d’arte propone un’installazione con cui interagire: Legati al branco e due percorsi laboratoriali rivolti a bambini delle scuole dell’infanzia e genitori nei giorni precedenti la festa.

Inoltre la festa accoglie una serie di proposte OFF: Vaya con Atempo (Acrobatica – mano a mano), Shay Wapniazthe con The Shay street show (teatro di strada), Des Equilibrats con -KÏ- (giocoleria), Stefano di Renzo con Hold On (acrobatica – corda molle) e lo spettacolo vincitore del concorso estivo organizzato con Teatro del Cerchio di Parma: Il tutto è più della somma delle parti (acrobatica) della compagnia Cieocifà.

La musica non manca mai, con la band inglese Cosmic Sausages, la Fantomatik Orchestra, i Gadjo Musica, Alessandro Ristori & The Portofinos, e il pianista Roberto Esposito. Tutti i giorni, inoltre, percorsi di formazione, installazioni e attrazioni, mostre, spazi per la ristorazione, ballo e mercato dell’artigianato.

Inoltre domenica 3 settembre alle 11.30 nell’Abbazia di Valserena, all’Archivio Museo CSAC, lo scrittore Paolo Nori presenta i suoi Repertori dei matti delle città di Bologna, Milano, Torino, Roma, Cagliari, Parma, Andria, Livorno, Reggio Emilia, Lucera e Capitanata e Genova con particolare riferimento al Repertorio dei matti della città di Parma (a pagamento).

Molte le novità, a partire dai tempi allungati grazie all’incrocio con gli appuntamenti di Tutti Matti in Emilia (fino al 10 settembre), che tocca alcuni comuni del parmense e del reggiano, grazie alle anteprime del 31 agosto e grazie ai percorsi di formazione, tra cui spicca il workshop per attori e performer di Avner Eisenberg (dal 4 al 6 settembre) e il nuovo Percorso Circo Conad Tutti Matti Per Colorno sponsorizzato da Conad Centro Nord, dedicato a bambini e ragazzi che si terrà nei giorni che precedono (29, 30 e 31 agosto) e seguono (4, 5, 6 settembre) la festa tenuto dall’Associazione Circolarmente.

Tutti Matti in Emilia prende il via il 18, 19, 20 agosto con il Collectif de la Bascule in Quand Quelqu’un Bouge a Novellara (in scena anche a Colorno), passa per Sant’Ilario d’Enza il 28, 29 e 30 agosto con la compagnia Les P’Tits Bras in L’odeur de la siure, attraversa Colorno dall’1 al 3 settembre e arriva a Zibello il 9 e 10 settembre con Exceptions to gravity di Avner Eisenberg. Inoltre il 31 agosto la festa è anticipata dalla anteprima musicale serale al Circolo Giovane Italia di Parma con il gruppo Cosmic Sausages, a cui si abbina un’anteprima di circo con lo spettacolo della compagnia giapponese Sivouplait  a Colorno nello spazio antistante il punto vendita Conad (tardo pomeriggio), grazie al sostegno di Conad Centro Commerciale Colorno.

Info e biglietti (solo 2 spettacoli a pagamento): www.tuttimattipercolorno.it.

Sabato 9 settembre alle 22.30 la festa continua con “L’incendio della Reggia di Colorno”, lo spettacolo piromusicale che richiama migliaia di spettatori nel Giardino Storico della Reggia. Un “incendio” di suoni, luci e colori, animerà il Palazzo già residenza dei Farnese, dei Borbone e di Maria Luigia d’Austria. Fiamme e bagliori illumineranno il cielo in un crescendo di fantastiche coreografie luminose perfettamente sincronizzate a celebri composizioni musicali: uno spettacolo mozzafiato e indimenticabile che farà rivivere i fasti del passato, quando ancora Re, Regine, duchi e cortigiani animavano le splendide sale, i cortili e il magnifico giardino alla francese.

EDIZIONE 2016 (1^ Parte)

A fare da quinta d’eccezione a questo spettacolo di suoni e luci sarà proprio la facciata verso il giardino settecentesco con il grandioso scalone, luogo ideale per far rivivere lo sfarzo di un tempo, proprio come avrebbe voluto la figlia di Luigi XV Re di Francia, Luisa Elisabetta, detta Babet, che fece del palazzo di Colorno la “Versailles dei Duchi di Parma”.

EDIZIONE 2016 (2^ Parte)

Nessun commetno

Lascia una risposta: