Duplice omicidio, lungo sopralluogo in casa Nyantakyi: si cercano altri elementi

Duplice omicidio, lungo sopralluogo in casa Nyantakyi: si cercano altri elementi

993
0
CONDIVIDI

Polizia scientifica al lavoro nel pomeriggio di oggi nella casa in cui lo scorso 11 luglio hanno trovato la morte mamma Patience Nfum, 43 anni, ghanese, e la figlia, undicenne, Magdalene Nyantakyi. Entrambe uccise a coltellate dal figlio e fratello Solomon, adesso in carcere dopo aver confessato le sue responsabilità. Un lungo sopralluogo al quale hanno preso parte – rientrati in quella casa per la prima volta dopo il delitto – anche papà Fred Nyantakyi e il figlio più grande Raymon.

Sul posto – all’ultimo piano di quella palazzina al civico 21 di via San Leonardo – anche il pm Paola Dal Monte che coordina le indagini sul duplice omicidio, il capo della Squadra mobile Cosimo Romano e l’avvocato d’ufficio di Solomon, Vincenzo Agostino Cecere. Bocche cucite su quanto effettuato e sui motivi di questo lungo sopralluogo, concluso verso le 19.

Non è comunque escluso che gli inquirenti stiano cercando ulteriori tasselli per completare una storia già a grandi linee definita. Importanti, probabilmente, anche i riscontri arrivati dalle autopsie sui corpi delle due vittime, dalle quali è emersa la ferocia con cui l’autore del delitto si è scagliato sulle due donne anche dopo che erano morte. Da ricostruire anche cosa è accaduto tra le 14.30, l’ora in cui sarebbe stato commesso il duplice omicidio, e le 16.30, quando le telecamere della videosorveglianza della stazione ferroviaria hanno catturato l’immagine di Solomon.

Cosa ha fatto il giovane in quelle due ore? Quasi sicuramente si sarà lavato e cambiato, ma potrebbe anche aver fatto altro. Qualcuno lo ha aiutato? Tutti interrogativi per ora senza risposta, così come non c’è ancora un movente forte e certo. Di sicuro si sa che dopo le 16.30 Solomon ha preso un treno per la riviera romagnola, poi è stato avvistato a Bologna e quindi – il giorno dopo, mercoledì 12 luglio – è stato arrestato dalla Polfer alla stazione centrale di Milano.

Nessun commetno

Lascia una risposta: