Il Parma Calcio riorganizza l’area comunicazione, il saluto di Majo

Il Parma Calcio riorganizza l’area comunicazione, il saluto di Majo

1601
0
CONDIVIDI

“Di nuovo grazie a tutti e sempre Forza Parma” :  termina così , il saluto di Gabriele Majo, addetto stampa del Parma Calcio negli ultimi due anni. 

Dal  Luglio 2015 responsabile dell’Ufficio Stampa e Comunicazione, assumerà un nuovo incarico a partire dalla prossima settimana.

Il Parma ha comunicato  che “Gabriele, a cui vanno i sinceri ringraziamenti di tutta la Società per la dedizione e la professionalità con cui ha svolto il suo incarico negli ultimi due anni, si focalizzerà su progetti editoriali e di contenuti, a partire da un rinnovato impegno del Parma nello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile“.

Affiderà, a partire da lunedì 17 luglio 2017, la direzione della comunicazione a Nicolò Fabris.

La sua area di competenza comprenderà la gestione dei contenuti e delle linee guida del sito ufficiale e dei canali social ufficiali del club, oltre alla gestione dei rapporti con i media.

A lui va il benvenuto e l’augurio di buon lavoro da parte di tutta la società.

Le parole di Majo:

Nel passare il testimone a Nicolò Fabris, cui va il benvenuto nella famiglia del Parma Calcio e il mio più sincero augurio di buon lavoro, certo che si farà valere, desidero porgere un saluto e un ringraziamento a tutti coloro che in questi due anni alla guida dell’ufficio stampa e comunicazione del Parma Calcio mi hanno supportato e sopportato, ad iniziare dalla proprietà che mi scelse e che ora mi ha rinnovato la fiducia affidandomi una nuova importante missione che porterò avanti non solo con lo spirito di servizio che deve contraddistinguere ogni uomo azienda, ma anche con l’entusiasmo e la passione di sempre; dirigenza, tecnici, calciatori, dipendenti e collaboratori tutti (in particolare Giuseppe Squarcia, bravo, prezioso e vero spirito Crociato) che hanno avuto a che fare con il mio modo di essere un po’ naif, ma sempre aperto e sincero; i colleghi giornalisti con cui credo si fosse creato lo spirito giusto per cooperare insieme sempre nel rispetto delle rispettive professionalità e che spero mi aiuteranno a dare la migliore visibilità possibile alle squadre del Settore Giovanile e Femminile che curerò da vicino in prima persona; dirigenti e delegati di Leghe, che magari ho fatto um po’ dannare, e quindi tifosi, sportivi, e cittadini comuni che mi hanno fatto arricchire nel bagaglio umano e personale (penso, per citarne tre, alle iniziative Crociati per Macerata, Maschi che si Immischiano o i 90 anni della Signora Pina dell’Aido).”

Nessun commetno

Lascia una risposta: