Alternanza scuola-lavoro, contributi alle imprese di Parma

Alternanza scuola-lavoro, contributi alle imprese di Parma

1254
0
CONDIVIDI

Dal prossimo 3 luglio le imprese di Parma e provincia che hanno accolto studenti del territorio in percorsi di alternanza scuola-lavoro, o che hanno intenzione di farlo nei prossimi mesi, potranno fare domanda alla Camera di commercio per ricevere un contributo proporzionale al numero di ragazzi accolti. Si parte da 400 euro per uno studente ospitato e si aggiungono ulteriori 100 euro per ogni altro ragazzo entrato in azienda, fino ad un massimo di 1.000 euro. Inoltre, contributo una tantum di 200 euro nel caso vengano accolti giovani con disabilità. I percorsi di accoglienza in alternanza scuola-lavoro dovranno essere realizzati nel periodo 1 maggio – 31 ottobre 2017, mentre la domanda può essere presentata a partire dal 3 luglio e fino al 31 ottobre.

Noi ci crediamo e ci investiamo – sottolinea Andrea Zanlari, presidente dell’ente di via Verdi -. L’alternanza scuola-lavoro è un modello formativo nuovo per il nostro Paese. Obiettivo: fornire ai giovani, oltre alle conoscenze di base, le competenze necessarie a inserirsi nel mercato del lavoro. Alternando le ore di studio alle ore in azienda lo studente farà esperienza “sul campo” e maturerà un patrimonio di relazioni e competenze che formeranno un bagaglio culturale di grande valore. L’alternanza, quando sarà a pieno regime, consentirà di superare il gap formativo tra mondo del lavoro e mondo accademico in termini di competenze e preparazione: uno scollamento che spesso caratterizza il nostro sistema educativo e rende difficile l’inserimento lavorativo al termine del ciclo di studi“.

Il contributo della Camera di commercio è subordinato all’iscrizione delle aziende nel Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro attivo presso le Camere di commercio e finalizzato a facilitare l’incontro tra imprese, scuole e studenti. L’iscrizione, online, è semplice e gratuita.

I percorsi di formazione on the job resi obbligatori dallo scorso anno prevedono 400 ore di alternanza scuola-lavoro negli istituti tecnici e 200 nei licei. Secondo i dati del ministero dell’Istruzione, nel 2016 ne hanno usufruito 652mila ragazzi e le scuole coinvolte sono passate dal 54% del 2015 al 96%. A Parma gli studenti che nel 2016 hanno realizzato percorsi di alternanza scuola-lavoro sono circa 5.000, accolti da oltre 900 aziende oltre a enti e istituzioni pubbliche.

E’ un reciproco vantaggio – dice Zanlari -. Se per i giovani rappresenta un’opportunità di crescita e di inserimento futuro nel mercato del lavoro, per le aziende si tratta di un investimento strategico in capitale umano. L’imprenditore ha la possibilità di “provare” uno stagista che, peraltro, può veramente essere utile in periodi intensi di lavoro. Inoltre fa conoscere la sua azienda e migliora i suoi rapporti con il territorio. Direi che non è poco“.

Il bando e la modulistica per fare domanda sono pubblicate sul sito della Camera di commercio (www.pr.camcom.it). Per informazioni: contributi@pr.camcom.it – tel. 0521 210246 – 227.

Nessun commetno

Lascia una risposta: