Parma Calcio: Piccolo quasi; Ciano forse; Da Silva piace; Giorgino al Monza

Parma Calcio: Piccolo quasi; Ciano forse; Da Silva piace; Giorgino al Monza

2185
0
CONDIVIDI

Mister Roberto D’Aversa ha chiesto almeno tre rinforzi subito, prima del ritiro della squadra in quel di Pinzolo, in Trentino, per la preparazione al prossimo campionato di serie B. E il Ds Daniele Faggiano sta facendo di tutto per accontentarlo. Si parla soprattutto del reparto avanzato.

Il Parma Calcio è ormai ad un passo dall’annunciare l’acquisto di Antonio Piccolo, 29 anni, attaccante napoletano dello Spezia, che ha nelle sue corde il ruolo di ala e di seconda punta. Nell’ultima stagione ha messo a segno 3 reti in 30 presenze e conosce bene mister D’Aversa per averci lavorato a Lanciano. La sua valutazione sarebbe di poco oltre il milione.

L’altro nome nuovo sul taccuino di Faggiano è quello di Camillo Ciano, 27 anni, anche lui un attaccante che gioca all’ala o anche come seconda punta. Nel suo passato c’è stato anche il Parma, ma soltanto come pedina di scambio. Nell’ultima stagione in 36 presenze ha segnato 15 reti. La sua valutazione attuale si aggirerebbe sui 2 milioni di euro, ma il giocatore ha il contratto in scadenza a giugno 2018.

Trattative aperte con il Catania, invece, per il centrocampista centrale brasiliano Gladestony Da Silva, 23 anni, che quest’anno si è messo in evidenza nel Messina di mister Cristiano Lucarelli con 3 reti in 20 presenze. Ma attenzione perché alle pendici dell’Etna non dispiacerebbe affatto Emanuele Calaiò.

Sul fronte delle partenze, al momento, sembra ormai deciso il trasferimento di Davide Giorgino al Monza, squadra neo promossa in Lega Pro e molto attrezzata per fare bene.

Infine la bandiera, il capitano. Alessandro Lucarelli avrebbe già deciso di giocare almeno ancora un anno con il sogno di riportare il Parma in serie A. Sarebbe davvero un’impresa epica.

Per il resto bisognerà attendere la prossima settimana, quando a Parma tornerà il vicepresidente in pectore Hernan Crespo con la cassa dei cinesi di Desports del presidente Jiang Lizhang. Con il passaggio al 60% delle quote sociali, attraverso un aumento di capitale, ci saranno risorse fresche e anche nuove indicazioni su come muoversi in quello che si preannuncia un lunghissimo mercato estivo. Che potrebbe portare anche – al di là della suggestione Antonio Cassano – qualche regalo davvero importante per la piazza.

Nessun commetno

Lascia una risposta: