Rapina in stazione : sequestrano 30enne per ore, due arrestati, il terzo...

Rapina in stazione : sequestrano 30enne per ore, due arrestati, il terzo non si trova

1216
0
CONDIVIDI

Erano in tre, la sera del 31 marzo 2017. Una rapina risalente a quella notte e che vede protagonisti due africani e un marocchino:  Cisse Mohamed Cheriff, classe ’97, Kaddar Hakim classe 84,  e un minorenne nordafricano di 17 anni residente nel territorio parmense. Il trio, secondo la denuncia presentata dalla vittima, un 30enne italiano residente a Parma, gli si è avvicinato nel sottoscala che porta al parcheggio della stazione, alle 2 di notte, mentre lui stava transitando nella zona.

 

IL FATTO

Si sono messi a parlare tra loro, dato che i quattro si conoscevano ma poco dopo i tre lo hanno bloccato e uno di loro ha tirato fuori un coltello a serramanico, puntandoglielo alla gola. Sotto la minaccia dell’arma, il 30enne ha consegnato il denaro che aveva (in tutto 80 euro) e gli è stata sfilata la giacca che portava. Mentre uno dei tre, andava a prendere la droga con i soldi appena rubati , la vittima della rapina restava sempre sotto minaccia dell’arma. Una volta consumata la dose di cocaina, davanti a lui, approfittando dello stato mentale confuso degli uomini, il 30enne è riuscito a fuggire.

LE INDAGINI DELLA SQUADRA MOBILE 

L’uomo ha atteso,  prima di presentare la denuncia alla Polizia, che successivamente ha iniziato le operazioni di indagini. I tre personaggi, già noti agli agenti  e con precedenti di rapina e spaccio,  sono stati subito identificati  grazie alle registrazioni delle telecamere poste in Stazione (fornite dalla Polizia Ferroviaria) e alla descrizione fatta dalla vittima, aiutata dal riconoscimento fotografico.

 L’ARRESTO DEI DUE 

Sono arrivati gli arresti per due di loro, in particolare per il marocchino Kaddar, risultato senza fissa dimora ( è stato per questo complicato individuarlo), e per il 17enne di origini nordafricane,  residente in provincia di Parma. Kaddar attualmente si trova nel carcere di Via Burla, il minore è detenuto presso il Tribunale per i minori di Bologna.

E’ al momento irreperibile, invece Cisse Cheriff africano di origini, che nonostante la giovane età ( è appena ventenne), è considerato un vero e proprio capo branco all’interno dei movimenti criminali di Parma. Le accuse per tutti e tre sono : di rapina aggravata in concorso,  porto abusivo di oggetto atto a offendere  e sequestro di persona.

Gli agenti ritengono che Cisse possa essere tornato nel suo Pese d’origine. 

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: