Varano Marchesi capitale del Teatro dialettale. Sabato 24 in scena la Famija...

Varano Marchesi capitale del Teatro dialettale. Sabato 24 in scena la Famija Pramzana

1368
0
CONDIVIDI

Il Teatro Dialettale Parmigiano ha una sola casa: Varano Marchesi, a Medesano. Lo dimostrano non soltanto il fatto che quest’anno si festeggia l’edizione numero 40 del Festival promosso come sempre dalla Pro Loco, ma anche la qualità del cartellone proposto. Sei appuntamenti dal 24 giugno al 5 agosto, con altrettante compagnie teatrali di grande successo.

Dopo l’anteprima del 10 giugno scorso, che ha visto gli attori delle diverse compagnie salire sul palco per deliziare i presenti con una serie di esilaranti gag, il Festival  del Teatro Dialettale Parmigiano entra nel vivo al Foro Civico proprio con l’appuntamento in programma per sabato 24 giugno alle 21. Protagonista la Famija Pramzana, che da oltre cinquant’anni calca le scene per portare al pubblico l’autentico teatro parmigiano. Il gruppo guidato da Franco Greci porterà sul palco di Varano Marchesi 2 atti unici: “Al ciòld in t’al scartaciava” e “I guai ad Veraldo”.

Il primo, di autore sconosciuto, ha per protagonista un donnaiolo impenitente che attira in casa una donna affascinante e, per approfittare di lei, blocca la porta inserendo un chiodo nella serratura. Ma improvvisamente arriva il marito nerboruto…

Il secondo atto unico narra invece le vicende di un’umile famiglia parmigiana, la cui figlia viene chiesta in sposa da un giovane. La vicenda, apparentemente semplice, si apre però a venature tragicomiche a causa dell’emergere delle scappatelle dei genitori…

Una serata di grande divertimento, quindi, per aprire la 40esima edizione del Festival del Teatro Dialettale Parmigiano che proseguirà poi il 1 luglio con la compagnia La Duchessa che porterà in scena “Al sartor pr’ill donni”. L’8 luglio sarà la volta de I Guitti di Veneri con “La fola pramzana”, mentre il 15 luglio arriverà a Varano Marchesi El Ravisi con “L’aparenza à volt l’ingana”.

Gli ultimi due spettacoli del Festival vedranno in scena, il 29 luglio, la Nuova Corrente con “Marmlada ad bruggni”, e il 6 agosto la Dialettale Sissese con “Na bèla vendicada”.

 

Nessun commetno

Lascia una risposta: