Università di Parma: dal 27 settembre l’elezione del nuovo rettore

Università di Parma: dal 27 settembre l’elezione del nuovo rettore

1004
0
CONDIVIDI

All’Università di Parma è iniziato il dopo Borghi. Il decano dei docenti, il professor Bruno Adorni, ha indetto le elezioni del nuovo rettore dell’Ateneo, che succederà al dimissionario Loris Borghi e resterà in carica fino al 2023. Ci sono già le date: si voterà mercoledì 27 settembre, martedì 3 ottobre e giovedì 5 ottobre 2017. Il rettore è eletto nella prima votazione (mercoledì 27 settembre) solo se il candidato ottiene la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto. Martedì 3 ottobre, invece, per l’elezione del rettore è sufficiente la maggioranza assoluta dei votanti. Il 5 ottobre, infine, se non si è arrivati all’elezione nelle prime due giornate, ci sarà il ballottaggio tra i due candidati con il maggior numero di voti. In caso di parità risulta eletto il candidato con maggiore anzianità nel ruolo di professore di prima fascia e, a parità di anzianità nel ruolo, il candidato con maggiore anzianità anagrafica.

Le candidature alla carica di Rettore devono essere sottoscritte da almeno dieci componenti del corpo elettorale e presentate al protocollo dell’Università nel periodo tra il sessantesimo e il trentesimo giorno anteriore la data prevista per la prima votazione. Ciascun candidato rende pubbliche le linee programmatiche che intende perseguire nel governo dell’Università. L’elettorato attivo per l’elezione del Rettore, come stabilito dallo Statuto, spetta: ai professori di ruolo; ai ricercatori a tempo indeterminato; ai ricercatori a tempo determinato di cui all’art. 24 della legge n. 240/2010; al personale tecnico e amministrativo, compresi i Dirigenti, i cui voti espressi sono calcolati nella misura del 15%; alla rappresentanza degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea, di Laurea Magistrale e dottorato di ricerca nei Consigli di Dipartimento.

Nessun commetno

Lascia una risposta: