Accordo Bodoni-Confconsumatori, i giovani a lezione di finanza

Accordo Bodoni-Confconsumatori, i giovani a lezione di finanza

2633
0
CONDIVIDI

Un progetto a due mani quello che vede la collaborazione tra Confconsumatori e l’Istituto Tecnico Economico Bodoni  per promuovere, a partire dal prossimo anno scolastico, iniziative di educazione  economica.

L’obiettivo delle lezioni mirate è quello di garantire un certo livello di alfabetizzazione finanziaria ai giovani. Il nostro Paese risulta povero quanto a formazione finanziaria, stando a quanto dice l’ultima indagine Ocse ( Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico).

Alla fine di maggio, infatti  sono stati presentati a Parigi i risultati della seconda indagine Ocse-Pisa (Programme for International Student Assessment) sulle competenze finanziarie, relativi alla rilevazione 2015 effettuata su un campione di quindicenni di 15 Paesi. I risultati, pur essendo migliori rispetto a quelli delle  valutazioni del 2012, sono ancora inferiori alla media dei Paesi presi in esame.

In Italia gli interventi di educazione finanziaria datano ormai da circa un decennio – dichiara Luciana Donelli Dirigente scolastico del Bodoni – Promossi da Istituzioni pubbliche e private e rivolti a target diversi, hanno sofferto, in particolare, dell’assenza di una cabina di regia che ne potesse garantire una maggiore standardizzazione. Le cose sono forse destinate a cambiare grazie alla recente approvazione dell’art. 24 bis della legge 15/2017, che per la prima volta introduce nel nostro Paese delle :  Disposizioni generali concernenti l’educazione finanziaria, assicurativa e previdenziale. È in questo spirito che si inserisce il recentissimo accordo tra l’Istituto Bodoni e Confconsumatori con il quale i due partner si prefiggono di promuovere, dal prossimo anno scolastico, iniziative di educazione finanziaria ed economica”.

Da anni lottiamo per la tutela dei risparmi “traditi” e per imparare a usare meglio il denaro – commenta Mara Colla, Presidente di Confconsumatori – Siamo convinti dell’urgenza di avviare progetti efficaci di educazione finanziaria, a partire dalle scuole superiori e che, possibilmente, proseguano anche dopo il diploma accompagnando i giovani nella gestione corretta del bilancio mensile sia durante gli studi, sia nell’ingresso nel mondo del lavoro. La collaborazione con l’Istituto Bodoni, che già da anni è impegnato sul fronte dell’educazione economica e finanziaria delle nuove generazioni, è per noi un’occasione preziosa, di cui ringraziamo la Preside e il corpo docenti”.

Nessun commetno

Lascia una risposta: