Piani regionali 3.0, installati 53 cartelli per le emergenze lungo la Pedemontana

Piani regionali 3.0, installati 53 cartelli per le emergenze lungo la Pedemontana

891
0
CONDIVIDI
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La  Pedemontana ringrazia. Sono stati completati in questi giorni, in occasione della “Settimana della Protezione Civile” promossa dalla Regione Emilia-Romagna,  i lavori per l’installazione dei cartelli che identificano le aree di attesa per la popolazione nei cinque Comuni dell’Unione.  Le “Aree di attesa della popolazione” fanno si che  i Piani di Protezione civile dei cinque comuni dell’Unione Pedemontana Parmense (Collecchio, Felino, Montechiarugolo, Sala Baganza e Traversetolo)  diventino pienamente operativi. Sono 53  e segnalano le strutture, in cui potranno recarsi i cittadini nel caso fosse necessario il temporaneo abbandono dei fabbricati in cui ci si trova.  Una pianificazione corposa, realizzata dal geologo Stefano Castagnetti, esperto in materia di emergenze e Protezione civile, condivisa con tutta la popolazione, che ha potuto dare suggerimenti per mezzo di questionari distribuiti nell’ ambito del “Progetto Insieme”, iniziativa volta a sensibilizzare i cittadini sul tema delle emergenze che ha coinvolto le associazioni di volontariato.  I protocolli di intervento sono stati aggiornati con un’analisi approfondita per individuare i rischi (sismico, meteorologico, idraulico e incendio, tanto per citarne alcuni), e per ciascuno di essi sono stati ricostruiti specifici scenari di intervento. Ma non solo. E’ fondamentale che ogni cittadino conosca l’area di attesa più vicina alla propria abitazione o al proprio luogo di lavoro, in modo da raggiungerla il più rapidamente possibile in caso di necessità.
«La segnalazione delle aree d’attesa è di grande importanza – sottolinea Elisa Leoni, Sindaco di Felino e Assessore alla Protezione civile dell’Unione Pedemontana – e si inserisce nell’ottica di completare e divulgare, non solo sulla carta, le buone pratiche stabilite nei piani, aggiornati e promossi attraverso un percorso di partecipazione tra la cittadinanza. I Piani devono diventare uno strumento utile tanto a chi amministra quanto a chi vive e lavora sul nostro territorio. Nei prossimi mesi verranno avviate altre iniziative di informazione alla popolazione. Sperando di non averne mai bisogno – conclude Leoni –, ognuno di noi ha il dovere di essere preparato ad affrontare ogni emergenza».
L’elenco e la posizione delle aree di attesa è disponibile anche sul sito dell’Unione Pedemontana www.unionepedemontana.pr.it all’interno della sottosezione “Piani” della sezione “Protezione Civile”.

Nessun commetno

Lascia una risposta: